Wimdu: l'alternativa ad Airbnb chiude i battenti - Guesthero

Wimdu: l’alternativa ad Airbnb chiude i battenti

Wimdu era l’alternativa made in Germany ad Airbnb. La sua storia è finita nel 2018, quando Wimdu chiude i battenti per significativi problemi finanziari. La piattaforma risulta ancora accessibile ma rimanda ad un diverso provider. Andiamo ad analizzare la storia di questo portale e gli eventi che ne hanno causato la fine.

Wimdu: la crescita iniziale

Wimdu nasce a Marzo 2011, i fondatori, Arne Bleckwenn e Hinrich Dreiling, erano considerati esperti imprenditori ed avevano gestito numerose startup prima di Wimdu. Solo un mese dopo il lancio, Wimdu ha raccolto il maggior numero di investimenti mai ricevuti da una startup Europea. La crescita è stata impressionante, due mesi dopo il lancio Wimdu wimducontava già 400 dipendenti e 15 uffici in tutto il mondo.

Airbnb si era già resa conto del potenziale del competitor e ha risposto diffondendo le pratiche poco etiche di Wimdu: copia degli annunci di Aribnb e sollecitazioni ai loro host. I primi segnali di stress sono arrivati qualche anno dopo, ad Ottobre 2014, quando i fondatori hanno lasciato l’azienda. I tassi di crescita sono diminuiti e la reputazione del competitor di Airbnb ne ha iniziato a risentire.

Wimdu: lo stress economico e la chiusura

Wimdu ha visto qualche segnale positivo nel 2015, quando ha chiuso un contratto milionario con Mediaset per la trasmissione di pubblicità in Italia e Spagna. Ad Aprile 2016, una legge sugli affitti degli appartamenti privati in Germania ha comportato un’altra causa per Wimdu, seguita da grande attenzione del pubblico.

Leggi anche:  Wimdu: come funzionano gli affitti brevi

Ad Ottobre 2016, acquisisce il rivale 9flats per competere al meglio con Airbnb, a sua volta a Dicembre 2016 Wimdu è stato comprato da Novasol, un’azienda Danese nel settore degli affitti brevi di proprietà della Wyndham Worldwide. L’ennesimo cambio di proprietà arriva a Febbraio 2018, quando Wyndham Worldwide vende Novasol a Platimum Equiti per 1.3 miliardi.

A settembre del 2018 arriva il capitolo finale della saga dell’azienda. Novasol annuncia un nuovo CEO che annuncia la chiusura di Wimdu a seguito di un taglio alle operazioni senza profitto.

Wimdu: perchè ha chiuso?

Non è raro che una startup fallisca, solitamente le motivazioni possono essere: mancanza di cash, team sbagliato oppure mancanza di opportunità di mercato. Analizzando la situazione di Wimdu, sicuramente non è questo il caso. Airbnb nel 2011 non aveva un grande mercato in Europa e c’era spazio per un nuovo competitor, sicuramente Wimdu non aveva mancanza di investimenti o coesione nel suo team. Qual’è stato allora il motivo della sua disfatta? Wimdu, secondo molti analisti è stata vittima del suo stesso successo.

Ha sofferto per via delle enormi aspettative del pubblico e degli investitori a seguito di una crescita iniziale esponenziale. Ha copiato Airbnb per troppo tempo, dimenticandosi di sviluppare una compagnia con dei tratti distintivi importanti che gli avrebbero permesso di crescere a lungo termine. L’imitazione non è mai abbastanza e non permette sicuramente di avere dei vantaggi nel lungo periodo, questa è la lezione che ci ha insegnato questo fail.

Proptech: business in crescita

Il fortissimo interesse che Wimdu ha suscitato ha delle importanti motivazioni. Innanzitutto le Proptech attraggono moltissimi investitori, che le identificano come il business del futuro. Proptech è una parola di origine anglosassone che combina la parola Property con Technology. Startup che si focalizzano su questo business hanno alti tassi di crescita, soprattutto per quanto riguarda aziende ad alto tasso di innovazione tecnologica.

Leggi anche:  Wimdu: come funzionano gli affitti brevi

Guesthero: Proptech made in Italy

Guesthero è una Proptech che si occupa della gestione degli affitti brevi attraverso un avanzato software di proprietà. Grazie alle nostre tecnologie siamo in grado di occuparci della gestione completa degli affitti a breve nel modo più efficace ed efficiente presente sul mercato. I nostri servizi comprendono: servizio check-in, check-out, servizio di pulizie, shooting professionale della proprietà, creazione degli annunci sui principali portali e gestione delle pratiche burocratiche. Grazie al nostro software di intelligenza artificiale siamo in grado di combinare le più avanzate tecnologie con i servizi più richiesti sul mercato.