Tasse sugli affitti per studenti - Guesthero

Tasse sugli affitti per studenti

Tasse sugli affitti per studenti: Mettere in affitto una casa per degli studenti comporta moltissimi vantaggi. Tuttavia può essere difficile occuparsi di tutta la parte burocratica, specialmente per chi non ha idea di come funzionino le tasse sugli affitti brevi o non sa dove reperire le informazioni necessarie. Ma andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i vantaggi e gli svantaggi.

Affitti per studenti

Affittare un appartamento a studenti ha molti lati positivi. Certo, c’è sempre il rischio che i ragazzi siano meno attenti all’immobile (il mito dell’universitario che organizza festini tutte le sere è ancora molto radicato). Ma in realtà questo avviene molto meno di quanto possa sembrare, e ci sono molti altri vantaggi da considerare. Tanto per cominciare, affittare a degli studenti implica una durata del contratto più breve degli affitti a lungo termine: questo porta a un’ottimizzazione di prezzi.

Infatti si usa un contratto transitorio, che ha durata massima di tre anni, passati i quali è possibile modificare il prezzo dell’immobile in caso di crescita del mercato (negli affitti a lungo termine il prezzo è bloccato per otto anni). Inoltre, molto spesso gli affitti per studenti sono pagati dai genitori, che hanno tutti gli interessi a far continuare il percorso accademico ai figli: è ridotto dunque il rischio di morosità da parte degli inquilini. Tra l’altro, se uno degli studenti ha problemi con l’affitto, la presenza degli altri può comunque tutelare il pagamento.

Questo tipo di affitti, poi, è vantaggioso perché gli studenti hanno meno aspettative e meno necessità rispetto a qualcuno che intende vivere a lungo nell’appartamento. Infine, occorre ricordare che mentre gli affitti brevi tendono ad essere più vittima delle situazioni esterne (infatti il mercato sta soffrendo tantissimo a causa del recente Coronavirus), gli affitti a medio termine come quelli per studenti sono più sicuri da quel punto di vista.

Leggi anche:  Modulo RLI: descrizione e compilazione

 

Contratto transitorio

Ma passiamo al tema della tassazione: cosa succede quando si affitta una casa a uno o più studenti? Abbiamo già accennato al fatto che per questo tipo di affitti si è soliti ricorrere a contratti di tipo transitorio. Questo ha delle particolari agevolazioni fiscali: di norma si prevedono prezzi di mercato inferiori, circa dal 15% al 40% in meno. Inoltre il proprietario può avere una deduzione Irpef del 30% del canone, in aggiunta alla deduzione ordinaria del 5%. In più, per quanto riguarda Imu e Tasi, si riduce del 75% l’aliquota del Comune.

 

Cedolare secca

Inoltre, l’affitto a studenti consente di scegliere il regime fiscale della cedolare secca, portando l’aliquota al 10% al posto dell’Irpef. La cedolare secca è un regime che consiste nel pagamento di un’imposta fissa in sostituzione dell’Irpef e delle addizionali, evitando al contempo di pagare l’imposta di registro e l’imposta di bollo. Questo può essere molto vantaggioso per chi decide di dedicarsi agli affitti per studenti sul lungo periodo.

 

Property manager

Capita spesso che il proprietario di un immobile rinunci ad affittare a studenti, perché non ritiene di avere il tempo materiale per occuparsi di tutto quello che riguarda anche le tassazioni sugli affitti per studenti. È per questo che esiste la possibilità di affidare la propria casa a un property manager: questo si occuperà di gestirla completamente. Un property manager ha anche il vantaggio di potersi muovere su più piattaforme diverse, a seconda delle necessità: un esempio è Guesthero.

 

Guesthero

Guesthero è una società che si occupa di gestire numerosi immobili per conto terzi. Nata per il mercato degli affitti brevi, si è in seguito occupata anche degli affitti a medio termine, come ad esempio Immobiliare.it.

Leggi anche:  Cosa è il Modello RLI: istruzioni per gli affitti brevi

Guesthero, dopo un sopralluogo gratuito in cui farà una valutazione dell’immobile, sarà in grado di proporre la soluzione migliore: mettere la casa online su Immobiliare.it, oppure sfruttarla per gli affitti brevi su Airbnb e Booking (specialmente se la casa è piccola e in posizioni molto strategiche) o anche una formula ibrida che alterni periodi in cui la casa è affittata a medio termine e periodi in cui è affittata a breve termine.