Tasse sull'affitto breve, come orientarsi? - Guesthero

Tasse sull’affitto breve, come orientarsi?

L’aspetto delle tasse sull’affitto è molto importante per quanto riguarda gli affitti brevi. Come ogni immobile di proprietà, anche quello che si decide di affittare è soggetto al pagamento di un’imposta fissa che deve essere riscossa annualmente.

Nuova regime di tasse sull’affitto breve

Negli anni il regime di tassazione è cambiato e si è aggiornato in base alle nuove normative in vigore. Prima della nuova norma per le imposte, che è entrata in vigore nel giugno del 2017, esisteva comunque una gestione della tassazione. Purtroppo, senza una regolamentazione pubblica e ben precisa si incorreva spesso in problemi di frode da parte degli host.

Questa nuova legge vincola i proprietari di case che decidono di affittare la propria casa a degli ospiti per un periodo limitato. Il periodo di affitto per la formula breve si estende da un minimo di 2 notti a un massimo di 30. Il diretto proprietario e l’ospite possono registrare autonomamente il contratto o affidarsi ad una agenzia

Dopo aver pubblicato il proprio annuncio su una specifica piattaforma, come ad esempio quella di Airbnb o Booking, gli ospiti possono selezionare la residenza a loro preferita per il loro soggiorno.

Cedolare secca

La tassa viene riscossa sotto forma di una cedolare secca del 21% e viene applicata come sostituta dell’Irpef e altre tasse fisse sugli immobili. Per questo motivo la cedolare secca è sicuramente vantaggiosa in quanto viene detratto solo il 21% a fronte del 23% previsto dalle altre tassazioni.

Immobili esclusi

Come precedentemente spiegato, la tassazione su un determinato immobile viene riscossa annualmente e pagata dal proprietario della casa o da un intermediario, quale un’agenzia di affitti brevi. Non tutti gli immobili sono soggetti a tale tassazione, infatti sono esclusi dal conteggio gli spazi non adibiti all’abitazione, come ad esempio uffici o box.

Leggi anche:  Affitti brevi: appartamento ideale

Il ruolo degli intermediari

airbnb tassazioneLa formula degli affitti brevi è una pratica sicuramente in via di sviluppo negli ultimi anni. I proprietari di seconde case spesso decidono di scegliere la formula breve in quanto è garantito un guadagno maggiore in base al periodo di affitto, al numero degli ospiti e altri fattori scatenanti.

Non sempre i diretti proprietari delle case hanno il tempo, la voglia, o anche solamente le capacità e le competenze per gestire interamente un immobile. Èfrequente, infatti, che i proprietari si rivolgano a degli intermediari, meglio definiti come agenzie di gestione per affitti brevi. Queste agenzie gestiscono gli appartamenti che gli host gli affidano. La completezza della gestione è a discrezione dell’host, in base alle sue necessità. Inoltre sono dei semplificatori per quanto riguarda la tassa sull’affitto, occupandosene loro

Tasse sull’affitto: Gli obblighi degli intermediari

Con la nuova regolamentazione sulla tassa prevista sull’immobile dal 2017, anche gli intermediari hanno dei nuovi obblighi da rispettare. Nel momento in cui, in fase di contratto, viene aggiunto l’ausilio di un’agenzia, essa è obbligata a riferire i dati relativi al contratto e conservarli nel tempo in determinati file. Nel caso in cui, invece, la società entri in gioco nella fase di incasso o di pagamento, deve versare la cedolare secca del 21% che è prevista sul totale da pagare, certificare che il contratto sia stato stipulato correttamente, ed infine, conservare i dati.

Il contratto deve essere compilato in modo scrupolosamente corretto da parte dell’agenzia, ma quest’ultima non può minimamente controllare che i dati ricevuti dall’host siano corretti. È dunque discrezione del proprietario assicurarsi che i dati forniti non comprendano elementi errati.

Leggi anche:  Abbellimento casa vacanze, guida per fare home staging corretto

La cedolare secca viene pagata dal 16 del mese successivo dalla stipula del contratto, e ha valenza annuale. In caso di disdetta del contratto è possibile riscuotere la tassa della cedolare dalla dichiarazione dei redditi o tramite un semplice rimborso.

Tasse sull’affitto: La nuova regolamentazione

La nuova regolamentazione ha sicuramente rimodernato le pratiche di pagamento delle tasse sugli immobili ed ha avuto un riscontro positivo in ambito finanziario, limitando le evasioni fiscali. È però una pratica nuova e l’Agenzia delle Entrate ha stipulato una sorta di periodo di prova per abituarsi e per imparare a pieno le caratteristiche del nuovo regime.

Guesthero

Se sei un proprietario di una casa è possibile che tu non sappia gestire una casa con la formula degli affitti brevi. Per questo motivo Guesthero si offre di gestire la tua casa in maniera completa, così da non farti pensare a nulla.

La società ti offre un servizio ricco e totale, incaricandosi del check-in e del check-out degli ospiti all’arrivo e all’uscita dall’immobile. Si offre anche di effettuare le pulizie e il cambio biancheria.

La gestione della tua casa avviene anche nel complicato mondo di Internet, in quanto si occupa di pubblicare il tuo annuncio personalizzato, creato direttamente da noi, sulle differenti piattaforme dedicate alle prenotazioni di abitazioni di breve periodo, come per vacanze o weekend lunghi.

Se sei interessato a affittare la tua casa affidati a Guesthero e non resterai deluso!