Tassa Airbnb sugli affitti brevi 2017 - Guesthero free web hit counter

Tassa Airbnb sugli affitti brevi

La Tassa Airbnb riguarda il contratto di locazione a breve termine. Ovvero quegli affitti inferiori ai 30 giorni, che vengono stipulati in modo autonomo dal proprietario. In alternativa grazie ad intermediari del settore come Airbnb, Booking e Homeaway.
[n1related i=”0″]

La tassa Airbnb con il nuovo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate doveva effettivamente partire da lunedì 17 luglio. Questa tassa si rivolge anche e sopratutto agli intermediari degli affitti turistici, il cui obbligo risiede nel trattenere le imposte pari al 21% dei canoni riscossi dai proprietari degli immobili messi in affitto.

Gli obblighi di base

L’imposta pari al 21% riguarda i contratti di locazione breve. Da un minimo di una notte ad un massimo di 29 notti. Contratti fatti da privati che decidono di affittare il loro appartamento in modo indipendente. Chi deve occuparsi di trattenere l’imposta? Gli intermediari come Airbnb, Wimdu, Booking e  Homeaway ma anche le agenzie immobiliari.

Tassa Airbnb: Le eccezioni

  • Sono esenti dalla Tassa Airbnb gli affitti il cui contratto di locazione è precedente alla data 1° Giugno.
  • Sono esenti dalla Tassa Airbnb gli affitti il cui contratto viene stipulato direttamente dal proprietario che trova l’affittuario anche grazie al web. In questo caso, il proprietario potrebbe ricorrere alla cedolare secca.
  • Sono esenti dalla Tassa  quegli affitti per cui l’intermedio non versa al proprietario il corrispettivo dell’affitto, questo viene versato direttamente dall’affittuario al proprietario.
  • L’esenzione riguarda i contratti di subaffitto, dove l’affittuario ha il permesso del proprietario ad affittare in sublocazione l’appartamento.
  • L’imposta Airbnb non riguarda i servizi diversi dalla pulizia dell’immobile e della fornitura della biancheria, esempio fornitura alimentare e prestazioni accessorie.
Leggi anche:  Affitto breve e affitto tradizionale: quale conviene?

L’opposizione degli intermediari

In questi giorni gli intermediari si stanno opponendo con forza al provvedimento. Affermano l’impraticabilità dell’azione in così poco tempo. Lo Stato italiano ci ha messo due anni è quindi impensabile per gli intermediari adattarsi alla normativa in un weekend. Airbnb e Homeaway affermano di non potersi tecnicamente adeguare al procedimento in così poco tempo.

 

Se avete una casa che state affittando Contattate Noi di Guesthero, siamo specializzati nella gestione degli affitti a breve termine e collaboriamo con i maggiori intermediari come Airbnb, Booking e Homeaway.

Comments are closed.