Appartamento in affitto: per quanti mesi - Guesthero free web hit counter

Appartamento in affitto: per quanti mesi

Per chi vuole prendere un appartamento in affitto solo per qualche mese esiste uno specifico contratto, pienamente regolare e disciplinato dalla legge. Di certo non può firmare un contratto di affitto 4+4 o 3+2 con l’intenzione di procedere con la risoluzione prima della scadenza.
[n1related i=”0″]

Appartamento in affitto: normativa

Quello che deve fare, invece, è firmare un contratto di locazione a uso transitorio (o, anche,locazione per esigenze abitative transitorie) e, come tutti i contratti di affitto, per essere valido deve essere sia scritto che registrato all’Agenzia delle Entrate.

In generale, questo tipo di contratto, per l’appartamento in affitto, viene stipulato quando una parte o a entrambe hanno la necessità solo temporanea di locare o di prendere in locazione un immobile. Esso viene stipulato, perciò, per venir incontro sia del conduttore, che ha la possibilità di prendere in locazione un immobile senza impegnarsi per un lungo periodo di tempo, sia al proprietario di casa che ha l’esigenza transitoria di concludere un contratto di locazione di questo tipo.

Appartamento in affitto: cosa deve sapere il locatore

Ad esempio, il locatore può avere interesse a concludere la locazione per breve periodo, perché progetta di destinarlo a breve ad abitazione o ad attività propria o dei familiari o perché lo vuole vendere o vuole eseguirvi a breve lavori. Invece, il conduttore potrebbe avere tale interesse perché è stato trasferito per lavoro temporaneamente oppure gli sono necessarie cure o assistenza per sé o a familiari in luogo diverso dalla propria residenza; oppure ancora deve eseguire lavori nella propria casa che la rendano temporaneamente inutilizzabile.

La durata minima della locazione a uso transitorio dell’appartamento in affitto è un mese; invece la durata massima è di 18 mesi. Alla scadenza pattuita il contratto cessa senza bisogno di disdetta, ma può essere rinnovato.

Leggi anche:  Come affittare casa a breve legalmente in Italia

Prima della scadenza del termine stabilito nel contratto, la parte interessata deve confermare il permanere dell’esigenza transitoria tramite lettera raccomandata. In caso di mancato invio della lettera oppure del venire meno delle condizioni che hanno giustificato la transitorietà, il contratto si intende ricondotto alla durata di 4 anni con rinnovo automatico di altri 4 anni dei contratti di locazione a canone libero.

Vuoi saperne di più? Potresti provare l’innovativo servizio offerto da Guesthero, che permette una gestione più rapida dell’affitto del tuo immobile, senza che sia tu a dovertene occupare (gestione dell’annuncio su più piattaforme, check-in, check-out, servizio di pulizia, cambio biancheria e manutenzione).

Comments are closed.