Salone del Mobile 2020 cancellato - Guesthero

Salone del Mobile 2020 cancellato. Una notizia che purtroppo era nell’aria: il Salone del Mobile 2020 è stato ufficialmente cancellato. Il precedente rinvio a giugno non incontra le esigenze delle attività coinvolte e dell’intera nazione in risposta alle misure contro il Coronavirus. Inevitabili le ripercussioni in ambito economico per un settore di importanza cruciale.

SALONE DEL MOBILE 2020 CANCELLATO

Appartamento, Soggiorno, Muro Di Mattoni

È arrivata nella giornata di venerdì 27 marzo l’ufficialità della cancellazione del Salone del Mobile per l’anno 2020, e il suo conseguente slittamento al 2021. A dare l’annuncio lo stesso Presidente del Salone, Claudio Luti, che ne aveva annunciato il rinvio a giugno solo il mese scorso. Le nuove misure imposte dal Governo per contrastare l’espandersi del Covid-19 non hanno lasciato scelta all’organizzazione. Il Salone del Mobile si aggiunge così ad una serie di eventi rinviati a causa della crescente emergenza Coronavirus.

Salone del Mobile cancellato: “Decisione dolorosissima”

Così si pronuncia il Presidente di FederlegnoArredo Emanuele Orsini, che affida ad un post su Facebook il proprio dispiacere per la situazione attuale. Commenta così la cancellazione “della manifestazione del design più importante del mondo, con l’adesione entusiasta di un’intera città”. La decisione, seppur dolorosa dal punto di vista sia emotivo, sia economico, si presenta come inevitabile conseguenza dell’emergenza legata al Covid-19, e del recente lockdown. La cancellazione del Salone del Mobile avrà indubbiamente ripercussioni in ambito sociale ed economico non solo per la città di Milano, ma per tutta Italia.

Leggi anche:  Che cos’è il contratto casa vacanze

Salone del Mobile cancellato: impatto economico

Il Salone del Mobile non rappresenta soltanto un simbolo dell’eccellenza del Made in Italy nel settore del design, ma anche un importante driver economico. La sua cancellazione comporta, quindi, un impatto consistente in questo senso. In particolare, gli oltre 400mila buyer attesi provenienti da oltre 180 paesi, avrebbero concorso alla generazione di un indotto di circa 350 milioni sull’economia della città di Milano, e di circa 1,5 miliardi su tutta l’economia nazionale. Una rinuncia simile pone in grande difficoltà un settore che conta circa 30mila aziende e che nel 2019 ha generato un valore di circa 27 miliardi di euro, che già si trova ad affrontare una riduzione della produttività dovuta alla chiusura della maggior parte delle fabbriche in risposta all’emergenza Coronavirus.

Salone del Mobile cancellato: nuova realtà virtuale?

La cancellazione del Salone del Mobile per il 2020, proprio per le difficoltà che ne conseguono, rappresenta anche una interessante e stimolante sfida. Per cercare di sostituire l’evento programmato per quest’anno, c’è la possibilità di un Salone del Mobile virtuale, in cui i visitatori possano avere accesso ad una showroom digitale. Attraverso il portale si potrebbe anche essere in grado di concludere accordi tra acquirenti e imprese. Ovviamente questa idea di Salone del Mobile risulta completamente innovativa, se comparata con il tradizionale concetto di fiera. Di solito, infatti, l’elemento visivo e la presenza fisica, in un evento simile, rappresentano due componenti fondamentali. Che sia proprio l’emergenza legata nuovo Coronavirus, e il conseguente divieto di assembramenti, ad aprire verso una nuova soluzione ibrida tra realtà fisica e digitale per il futuro?

Leggi anche:  Co Host: tutto quello che devi sapere su questa figura

Salone del Mobile 2021: una sfida per il futuro

Intanto, per il prossimo anno, anche in occasione del sessantesimo anniversario della manifestazione, ci si aspetta un’edizione ancora più speciale, come confermato dall’organizzazione. L’occasione per una rinascita del settore dopo le difficoltà attuali, in cui riuscire ad esprimere al meglio l’eccellenza, le peculiarità e l’innovazione che il Salone del Mobile indubbiamente rappresenta.

Affidati a Guesthero

La critica situazione attuale ci pone di fronte a numerose sfide. Se possiedi un immobile e vuoi affidarti a degli specialisti in un simile periodo di incertezza, scegli Guesthero. Siamo un’azienda leader nella gestione di affitti brevi e siamo pronti ad aiutarti per qualsiasi evenienza: dalla scelta del cliente al check-out. Contattaci per ulteriori informazioni sulla gestione degli affitti brevi.