Rli editabile agenzia entrate: come compilare modulo free web hit counter

Rli editabile agenzia entrate: come compilare modulo

Rli editabile agenzia entrate: il modello dell’agenzia delle entrate sta per Registrazioni Locali immobili (RLI). Questo modulo ha la finalità di richiedere agli uffici dell’agenzia delle entrate la registrazione dei contratti di locazione di immobili e comunicare l’eventualità di proroghe, cessioni o risoluzioni. Scopri le sezioni in cui è composto e come compilare il modulo con Guesthero.

Modello Rli editabile agenzia entrate

Oltre alle finalità sopra citate, il modello RLI editabile agenzia entrate può essere utilizzato per l’applicazione e la revoca dell’opzione della cedolare secca e per comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o affitto.

Nel modello andranno quindi a confluire tutti gli adempimenti fiscali relativi alla registrazione dei contratti di locazione immobiliare, che precedentemente erano compresi nel modello 69.

Istruzioni compilazione Modello RLI

A seguito di un frontespizio su cui è riportata l’informativa sul trattamento dei dati personali, il modelli RLI 2018 è composto da 5 differenti sezioni denominate riquadri. Vediamo di seguito come procedere alla compilazione dei singoli riquadri.

QUADRO A

Sezione I

La Sezione I contiene le informazioni che riguardano la registrazione del contratto, eventuali adempimenti successivi alla registrazione (ad esempio proroga, cessione, subentro e risoluzione), i dati anagrafici del soggetto che richiede la registrazione, i dati del rappresentante legale (nel caso si tratti di una ditta/società) e l’eventuale conferimento di delega.

La prima dicitura da riempire in questo quadro è la “tipologia di contratto”. Dovrà in questo caso essere indicato il codice riportato nelle istruzioni al modello RLI. Ad esempio L1 sta per “Locazione di immobile ad uso abitativo”, S1 per “Locazione di immobile a uso diverso dall’abitativo”, T1 per “Affitto di fondo rustico” e via dicendo.

A questo punto è possibile decidere di pagare l’imposta di registro per l’intera durata del contratto anziché per ogni singola annualità barrando la casella “Pagamento intera durata”. In questa casistica specifica il contribuente avrà diritto ad una riduzione dell’imposta. Per quanto riguarda la casella “eventi eccezionali”, invece, dovranno barrarla coloro che beneficiano di agevolazioni fiscali perché coinvolte in calamità naturali o altri eventi di natura eccezionale.

Leggi anche:  Aperitivo Milano: ruota panoramica come set aperitivo

Troviamo in seguito la casella “Casi particolari” in cui va inserito uno dei seguenti numeri:

  • “1” se da contratto è previsto un canone diverso per una o più annualità;
  • “2” se si è in presenza di un contratto di sublocazione;
  • “3” se è previsto un canone diverso per una o più annualità e si vuole assolvere l’imposta di registro per tutte le annualità.
Sezione II

La sezione II relativa agli Adempimenti successivi va compilata nel caso in cui si desideri revocare l’opzione per il regime della cedolare secca (in riferimento al contratto già registrato) oppure comunicare i dati catastali che non sono stati comunicati precedentemente.

Sezione III

Sezione III  relativa al Richiedente del modello RLI serve invece per riportare i dati di chi richiede la registrazione. Se chi richiede la registrazione è una società o un ente, oppure un minore, interdetto, o inabilitato, occorre riportare i dati anagrafici del rappresentante legale (nome, cognome, codice fiscale).

QUADRO B

Questo riquadro denominato “Soggetti” ha l’utilità di comunicare le informazioni relative ai conduttori e ai locatori (Codice fiscale, cognome o denominazione o ragione sociale, data di nascita, comune di nascita, sesso ecc.). Se ci sono più locatori, per ognuno va riportato un numero d’ordine progressivo. Lo stesso discorso vale per i conduttori.

QUADRO C

Questo riquadro riguarda i “Dati degli immobili”. Deve essere compilato inserendo tutti i dati che servono a identificare l’immobile oggetto di locazione: comune, indirizzo, categoria catastale, foglio, particella, subalterno, ecc. Nel caso di immobile principale con pertinenze (categorie catastali C/2, C/6, C/7), dovrà essere indicato prima l’immobile principale e, subito dopo, le relative pertinenze. Se l’immobile è in via di accatastamento vanno riportati solo i dati conosciuti e la rendita presunta.

QUADRO D

Il quadro D è denominato “Locazione ad uso abitativo e opzione/revoca cedolare secca”. Questo quadro va compilato solo per le locazioni a uso abitativo e contiene le informazioni relative al regime della cedolare secca. In questa sezione occorre inserire il codice fiscale e la firma dei locatori del contratto; i soggetti interessati dovranno compilare una tabella e per ogni riga occorre indicare il numero d’ordine dell’immobile e del locatore, la relativa quota di possesso e barrare la casella dedicata alla scelta dell’opzione per la cedolare secca. La successiva sezione “Dichiarazione dei locatori” va compilata nel caso in cui ogni singolo locatore decida di esercitare o revocare l’opzione per la cedolare secca. Basta indicare il codice fiscale e apporre la firma.

Leggi anche:  Gestione affitti turistici: come evitare truffe

QUADRO E

Questo quadro è dedicato alla “Locazione con canoni differenti per una o più annualità”. Qui si dovrà riportare l’importo dei canoni pattuiti per ciascuna delle annualità successive alla prima e fino alla nona.

Se sei interessato ad affittare il tuo appartamento con la formula dell’affitto breve affidati agli esperti del settore di Guesthero! Per i contratti di affitto breve non vige l’obbligo di registrazione ma dal 2017 è possibile l’applicazione del regime agevolato della cedolare secca. Contattaci per maggiori informazioni!

Affidati ai consigli di Guesthero

Siamo una società specializzata nella gestione di affitti a breve termine. Con il nostro expertise nel settore, siamo riusciti a garantire ai nostri clienti un rendimento mediamente maggiore del 50% rispetto agli affitti tradizionali.

Tra i nostri servizi, un pacchetto di gestione standard e uno all-inclusive;

Pacchetto standard

Il pacchetto di gestione standard si riferisce alla gestione online dell’appartamento in affitto breve e comprende i seguenti servizi:

  • Creazione annunci su Airbnb e Booking
  • Gestione prenotazioni e pagamenti
  • Messaggistica con l’ospite
  • Gestione recensioni

Pacchetto all-inclusive

Oltre ai servizi del pacchetto standard, nel pacchetto all-inclusive sono compresi:

  • Shooting fotografico professionale
  • Servizio di pulizia professionale e cambio biancheria
  • Accoglienza ospite: check in e check out
  • Gestione amministrativa (registrazione degli ospiti in questura attraverso il portale alloggiati)
  • Pacchetto assicurativo

Valutazione dell’immobile

Per cominciare ad affittare casa con la formula degli affitti brevi è opportuno fare una valutazione dell’immobile da un esperto, il quale verificherà la funzionalità della casa e fornirà una consulenza. Contattaci per una valutazione del tuo immobile.

Comments are closed.