Rendimento affitti brevi: quanto guadagni?

Rendimento affitti brevi: quanto guadagni?

Guesthero è una società di property management esperta nella gestione degli affitti a breve termine. Ci occupiamo di gestire appartamenti e ville in tutta Italia per conto dei proprietari. Nella nostra esperienza professionale abbiamo accumulato conoscenze ed expertise su alloggi, normative fiscali, normative legali, burocrazia, proprietari e ospiti. Una delle domane più frequenti che riceviamo riguarda il rendimento potenziale dell’immobile. In questo articolo faremo chiarezza su questo questo punto e spiegheremo anche tutte le variabili e gli elementi da tenere in considerazione

Casa in affitto: tra norme e doveri per il proprietario

La casa è un bene molto prezioso, custodito con molto riguardo e attenzione dal proprietario. Ovviamente, quando un proprietario decide di dare da propria casa in affitto breve deve mettere in conto il fatto di doverla condividere con tante altre persone provenienti da tutto il mondo. Le pratiche burocratiche e i doveri fiscali assorbono tanto tempo ed è indispensabile essere sempre aggiornati sulle ultime novità legislative per poter approfittare di bonus, detrazioni e fare attenzione a svolgere l’attività in regola per evitare di incorrere in sanzioni.

In un contesto legislativo come quello italiano, può essere particolarmente vantaggioso rivolgersi ad un property manager, ovvero una società che si occupa dell’intera gestione dell’immobile per conto dei proprietari. Ovviamente, il dubbio principale di qualsiasi proprietario è: guadagnerò abbastanza per potermi permettere un property manager?

Quale potrebbe essere il rendimento del immobile?

Il rendimento potenziale di un immobile è una delle informazioni più richieste da chi si approccia per la prima volta al mondo delle locazioni di breve termine. Quando riceviamo questa domanda dai nostri futuri clienti è sempre difficile rispondere, poiché i guadagni che si potranno ricavare da un immobile dipendono da molte variabili.

Leggi anche:  Contratti affitti brevi: come funzionano e normative

E’ d’obbligo specificare che si tratta di un valore indicativo ed ipotetico, basato su esperienze soggettive e oggettive. Per quanto possa essere dettagliato il processo di valutazione ed elaborazione dei potenziali guadagni, esistono tante altre variabili che potrebbero alterare, in maniera positiva o negativa, i guadagni effettivi.

rendimento

Variabili della redditività che dipendono dal proprietario

Per valutare il rendimento potenziale di una casa è necessario prima fare alcune domande al proprietario per capire la situazione iniziale e formulare un’ipotesi adeguata.

  1. Dove si trova l’immobile? La location dell’immobile è di essenziale importanza per definire il potenziale rendimento. Innanzitutto bisogna capire in che città si trova. Alcune città, infatti, garantiscono rendimenti maggiori rispetto ad altre. In aggiunta, è necessario valutare se si tratta di una  una zona soggetta a stagionalità.
  2. In che zona della città si trova l’immobile? All’interno di una città esistono, ovviamente zone più redditizie e altre meno redditizie. Le zone più ricercate saranno quelle che portano guadagni più alti, tuttavia, non è il solo elemento di cui tenere conto.
  3. Qual è lo stato della casa?  Una casa appena ristrutturata porta rendimenti sicuramente maggiori. Se state valutando ristrutturazioni o lavori in casa, approfittate dei bonus e delle detrazioni 2019. E’ bene tenere conto anche del fatto che impianti di ultima generazione (luce, gas, riscaldamento etc) porteranno a minori spese e sprechi, garantendo così guadagni maggiori nel tempo
  4. Quanti posti letto ci sono?  Il numero di posti letto incide fortemente sulle possibilità di guadagno poiché più posti letto ci sono e più persone potranno usufruire dell’abitazione. Tendenzialmente, alle abitazioni con alti numeri di posti letto vengono applicati prezzi per notte superiori. Inoltre, tali appartamenti risultano comunque prenotabili anche a gruppi meno numerosi.
  5. Di quali optional dispone la casa? Con optional si intendono tutti quei servizi aggiuntivi che possono aggiungere valore al soggiorno dell’ospite come ad esempio: wifi, armadietti, tavoli, sedie, elettrodomestici e così via. In linea generale, tutti gli elementi opzionali aggiungono più o meno valore al soggiorno agli occhi dell’ospite. In merito agli elettrodomestici vale sempre la pena di prestare attenzione a bonus, e detrazioni 2019. Inoltre, elettrodomestici di ultima generazione porteranno maggiori risparmi sul lungo termine.
Leggi anche:  Tassa Airbnb 2019: tutte le novità da sapere

Variabili della redditività che non dipendono dal proprietario

  1. Eventi: la programmazione di eventi di una certa natura può determinare un consistente aumento delle prenotazioni in una certa area o, addirittura, in tutta la città ospitante. E’ essenziale avere qualcuno che controlli in maniera costante e puntuale il calendario eventi per poter applicare ogni volta il prezzo migliore. E’ indispensabile anche tenere conto di prezzi applicati dagli annunci rivali. Aumentando i prezzi in corrispondenza di eventi rilevanti sarà possibile aumentare i propri guadagni.
  2. Tasso di occupazione: Il tasso di occupazione è il numero di notti prenotate sul numero di notti totali previste dalla formula degli affitti brevi, cioè 29 notti. Più è alto il tasso di occupazione e maggiori saranno i guadagni. Per assicurarsi un tasso di occupazione elevato è necessario attuare alcuni accorgimenti e monitorare in maniera costante e attenta la situazione.