Quanto costa la tassa di soggiorno in Italia? - Guesthero free web hit counter

La tassa turistica in Italia nel 2018: a quanto ammonta la Tassa di soggiorno? In Italia risulta essere la più cara, scopri con Guesthero come funziona il pagamento della tassa per i portali di affitto breve come Airbnb e Booking.

Tassa di soggiorno: cos’è e quanto si paga?

Per chi è abituato a spostarsi e fare tanti viaggi il pagamento della tassa di soggiorno non è una cosa strana, ma i viaggiatori meno esperti potrebbero non conoscere bene come funziona. Questa tariffa si deve aggiungere al costo delle stanze ed è da corrispondere al momento dell’arrivo oppure della partenza in hotel e strutture ricettive, come bed and breakfast, ostelli e campeggi.
[n1related i=”0″]

Regolamento tassa di soggiorno

Il pagamento della tassa di soggiorno è regolamentato in diversi modi a seconda delle località d’interesse artistico, culturale o turistico in cui si soggiorna. Il totale dell’imposta può essere una quota fissa, oppure varia in base alla categoria dell’alloggio e ai costi extra forniti durante il soggiorno. I turisti che alloggiano in strutture ricettive nelle città italiane più importanti dovranno pagare da 1 a 5 euro a persona per ogni giorno di pernottamento, da saldare direttamente presso la struttura in cui si soggiorna con un rilascio di ricevuta o fattura in cui la tassa di soggiorno sia indicata come “operazione fuori campo Iva”.

Tassa di soggiorno: chi non la paga?

Sono esenti dal pagamento dell’imposta le seguenti categorie:

  • residenti
  • bambini al di sotto dei 12 anni
  • universitari fuori sede
  • disabili e accompagnatori
  • malati e i congiunti di chi è ricoverato in strutture sanitarie
  • militari e Polizia
  • autisti di autobus
  • accompagnatori turistici
Leggi anche:  Investimento immobiliare: conviene comprare casa e affittarla

L’ostello della gioventù è l’unica categoria di struttura alberghiera che è invece impossibilitata a richiedere il pagamento di tale imposta.

Come ottenere l’esenzione o la riduzione dell’imposta di soggiorno

Coloro che hanno diritto all’esenzione o alla riduzione dell’imposta sono tenuti a compilare la modulistica prevista, disponibile presso i gestori delle strutture ricettive.

Riduzioni

L’imposta dovuta può essere ridotta nei limiti del 50% per eventi congressuali e fieristici di rilevante importanza, l’agevolazione è condizionata ad una riduzione dei prezzi praticati dalle strutture pari almeno al 20%.

Tassazione turistica

Europea

Nei più importanti centri turistici italiani l’imposta di soggiorno è stata immediatamente applicata e risulta essere la più alta in Europa.  Nelle altre capitali la tassa si applica aggiungendo una percentuale sul pernottamento che varia dal 5% di Amsterdam e Berlino e dai 42 centesimi all’ 1,5 euro di Parigi.

Nella capitale di Italia è possibile pagare anche 7 euro a notte, per un periodo massimo di 10 giorni. Roma, infatti, vanta il primato delle tasse di soggiorno più salate. Sono molto alte anche le tasse nelle città di VeneziaFirenze e Milano, mentre al Sud l’imposta è più contenuta, con l’unica eccezione di Palermo.

Extraeuropea

L’imposta di soggiorno non è però stata introdotta solo nei paesi dell’Europa. Negli Stati Uniti, questo extra si aggiunge all’ESTA ed è quantificato in 3,5 dollari a notte a persona. In Giappone la tassa si paga a seconda del prezzo del soggiorno, ma solo a partire da 10mila yen a notte. Le località turistiche del Marocco hanno invece imposto una tassa che oscilla tra 1 e 2.5 euro circa, con una variazione dipendente dalla tipologia dell’alloggio, mentre in Malesia non devono pagare la tassa di soggiorno i viaggiatori che pernottano in strutture con meno di 10 camere o gestite da enti religiosi o da associazioni senza scopo di lucro.

Leggi anche:  Prezzi Airbnb: come vengono calcolati

Guesthero: gestione affitti brevi

Guesthero è specializzata nella gestione degli affitti a breve termine, operando con i portali online Airbnb e Booking. Le imposte di soggiorno vengono riscosse direttamente da Guesthero. Sei un proprietario di un immobile e vuoi iniziare ad affittare casa a breve termine? Non dimenticarti che gli ospiti devono pagare le imposte di soggiorno.

Per una gestione completa degli affitti affidati a noi, non dovrai più spendere il tuo tempo ad occuparti di tutta la burocrazia, facciamo tutto noi.

Gestione completa

Il pacchetto di gestione all inclusive comprende i seguenti servizi:

  • creazione di annunci sui portali online OTA come Airbnb e Booking
  • ottimizzazione del profilo
  • shooting fotografico appartamento
  • strategia di prezzo
  • gestione calendario prenotazione tramite channel manager
  • servizio di customer care
  • gestione dei pagamenti
  • gestione burocrazia (Cav, imposta di soggiorno, registrazione ospiti in questura)
  • accoglienza ospiti (check-in e check-out)
  • pulizia professionale, cambio biancheria

Contattaci per una consulenza sul tuo immobile.

 

Comments are closed.