Quando pagare cedolare secca? scadenze tasse Airbnb free web hit counter

Quando pagare cedolare secca? scadenze tasse Airbnb

Quando pagare cedolare secca: dal 2017 è possibile applicare il regime della cedolare secca anche agli affitti brevi. Per chi decide di usufruire di questo regime agevolato sono previsti specifici termini e scadenze. Scopri  in cosa consiste il regime della cedolare secca e quali sono le principali scadenze con Guesthero.

Cedolare secca

La cedolare secca è un regime fiscale sostitutivo previsto per le locazioni che è stato introdotto nel 2011 tramite Decreto Legislativo. In base a questo sistema di tassazione, la cedolare secca, se applicata, sostituisce il regime ordinario IRPEF. Vediamo in cosa consiste, quali sono le principali scadenze e le implicazioni per gli affitti a breve termine.

Cedolare secca come funziona

Come detto in precedenza la cedolare secca è un regime fiscale sostitutivo. La sua applicazione sul reddito prodotto dalla locazione va infatti a sostituire:

  • Il pagamento dell’Irpef e relative addizionali;
  • Il pagamento delle imposte indirette cui sono soggetti i canoni di affitto (imposta di registro ed imposta di bollo).

Il principale obiettivo dell’introduzione della cedolare secca sugli affitti è quella di limitare l’evasione fiscale nel settore delle locazioni, incentivando la registrazione dei contratti e la denuncia all’agenzia delle entrate dei redditi percepiti.

Cedolare secca chi la paga

L’imposta della cedolare secca è pari al 21% per i contratti a canone libero e al 10% per i canoni relativi ad immobili affittati a canone convenzionato.

Il regime della cedolare secca può essere scelto dai proprietari (o titolari di un diritto reale di godimento) che affittano un immobile ad uso abitativo. Sia il proprietario che l’inquilino devono agire in qualità di persone fisiche, cioè non nell’esercizio di attività di impresa o di arti e professioni.

Leggi anche:  The color run Milano: la festa dei colori in tema hero

Se l’appartamento in locazione ha più proprietari, ciascun locatore può scegliere autonomamente la cedolare senza influenzare gli altri. Il regime della cedolare si applica anche alle eventuali pertinenze affittate insieme all’abitazione (box, cantina).

Quando pagare cedolare secca?

Le scadenze relative alla cedolare secca sono le medesime dell’Irpef. La cedolare secca non si paga nel primo anno in cui si affitta casa perché manca la base imponibile dichiarata su cui applicarla. Il pagamento della cedolare inizia quindi l’anno successivo e riguarderà il reddito prodotto nell’anno precedente.

Cedolare secca scadenze

Sono previste due tranche in cui pagare la cedolare secca: il 95% a titolo di acconto e il restante 5% a saldo l’anno successivo.

L’acconto del 95%  è dovuto se la cedolare secca supera la cifra di 51,65 euro, ed è ulteriormente spalmabile se l’importo della cedolare secca supera il limite di 257, 52 euro. Se non supera i 51,65 euro non dovrà essere versato alcun acconto.

Vediamo nel concreto la casistica in cui dobbiamo versare la cedolare secca nel 2018; l’acconto va versato:

  • In un’unica soluzione se l’importo è inferiore a 257, 52 euro entro il 30 novembre;
  • In due rate (corrispondenti a due acconti) se l’importo è superiore a 257,52 euro.

1° rata: si salda il 40 per cento del 95 per cento dovuto entro il 30 giugno

2° rata: si salda il restante 60 per cento entro il 30 novembre

Il restante 5% a saldo deve invece essere versato entro il 30 giugno dell’anno successivo (il 2019) oppure entro il 30 luglio con una piccola maggiorazione dello 0,40 per cento. Il saldo si riferisce sempre all’anno successivo a quello di riferimento.

Leggi anche:  Co Host: cinque ragioni per affidarsi a loro

L’applicazione della cedolare secca e il rispetto delle relative scadenze non è un’operazione semplice. Se vuoi affittare il tuo appartamento con la formula dell’affitto breve ma non sai come gestirne i pagamenti affidati agli esperti di Guesthero!

Affida il tuo appartamento a Guesthero

Siamo una società specializzata nella gestione di affitti a breve termine e, con il nostro expertise nel settore, siamo riusciti a garantire ai nostri clienti un rendimento mediamente maggiore del 50% rispetto agli affitti tradizionali.

Tra i nostri servizi, un pacchetto di gestione standard e uno all-inclusive;

Pacchetto standard

Il pacchetto di gestione standard si riferisce alla gestione online dell’appartamento in affitto breve e comprende i seguenti servizi:

  • Creazione annunci su Airbnb e Booking
  • Gestione prenotazioni e pagamenti
  • Messaggistica con l’ospite
  • Gestione recensioni

Pacchetto all-inclusive

Oltre ai servizi del pacchetto standard, nel pacchetto all-inclusive sono compresi:

  •  Shooting fotografico professionale
  • Servizio di pulizia professionale e cambio biancheria
  • Accoglienza ospite: check in e check out
  • Gestione amministrativa (registrazione degli ospiti in questura attraverso il portale alloggiati)
  • Pacchetto assicurativo

Valutazione dell’immobile

Per cominciare ad affittare casa con la formula degli affitti brevi è opportuno fare una valutazione dell’immobile da un esperto, il quale verificherà la funzionalità della casa e fornirà una consulenza. Contattaci per una valutazione del tuo immobile.

 

Comments are closed.