Prenotazione fraudolenta: come difendersi - Guesthero

Prenotazione fraudolenta: come difendersi

La prenotazione fraudolenta è un problema sempre più diffuso che merita di essere trattato. Mettere in guardia gli albergatori e gli host sarà qui il nostro scopo. Come difendersi e come riconoscerlo.

Prenotazione fraudolenta: record di cancellazione

I numeri sono chiari. Un’indagine svolta da una società spagnola di consulenza alberghiera, la Mirai, ha dimostrato che le cancellazioni delle prenotazioni tramite le maggiori OTA, Online Travel Agency, sono maggiori del 104% rispetto a quelle effettuate direttamente dal sito dell’ hotel.
[n1related i=”0″] A seconda delle funzioni di queste, il numero delle cancellazioni cui va incontro l’ albergatore cambia notevolmente.

Infatti chi prenota tramite il sito dell’ hotel ha già fatto un passo di fidelizzazione verso quell’ hotel, gli utenti che invece prenotano tramite OTA hanno tendenzialmente un’ idea molto vaga su dove vogliono pernottare.

Selezionano un hotel, non solo in base a preferenze e gusti personali.  Ma la loro scelta è condizionata dal prezzo, dai feedback e dalle recensioni.

Le OTA puntano a incoraggiare le prenotazioni con campagne pubblicitarie che sottolinenano l’ incredibile offerta del momento. E’ doveroso dire però che molti clienti non sarebbero mai arrivati a conoscere quell’ hotel se non tramite queste agenzie.

Gli utenti conoscono dettagliatamente le dinamiche del processo di prenotazione, sono consapavoli che cancellando entro i termini, non hanno penali, e consci del fatto che prenotando con carte prepagate, soprattutto in caso di strutture piccole, queste non verranno controllate.

Come riconoscerla, come difendersi e modus operandi

Riconoscere una prenotazione fraudolenta non è semplicissimo, così come non è semplice difendersi. Tuttavia alcuni piccoli accorgimenti possono aiutarvi a riconoscerla.

Diverse sono le modalità con cui un albergatore o un host può essere truffato dal presunto cliente.

Leggi anche:  Appartamenti in affitto Milano: come guadagnare

Carte di credito clonate

L’ albergo o la struttura ricettiva riceve una mail o una prenotazione on line per un soggiorno, anche si lunga durata, sovente da clienti non italiani.

Il presunto cliente invia all’albergatore i dati di una o più carte di credito (quasi sicuramente clonate o rubate), da utilizzare per il pagamento anticipato dell’ intero importo, nonostante questo non sia stato richiesto dall’albergatore. La mail contiene tutti i dati della carta di credito e la fotocopia della carta d’ identità del cliente. A questo punto la struttura confermando la prenotazione procede al prelievo della somma dalla carta di credito fornita.

Dopo qualche giorno il cliente annulla la prenotazione, e chiede alla struttura ricettiva di essere rimborstato, indicando le coordinate bancarie sul quale versare l’ importo. Lo scopo è quello di procurarsi denaro pulito servendosi di carte clonate, servendosi dell’ albergatore.

Il consiglio in questo caso è di diffidare di prenotazione che insospettiscono, e nel caso di conferma di prenotazione e poi disdetta il cliente va rimborsato sulla carta di credito con la quale ha fatto l’ addebito.

Ciò che può insospettire la struttura ricevente sono diverse come il pagamento anticipato e integrale, e la richiesta del rimborso non sulla carta ma su un IBAN diverso.

Prenotazioni con scopi diversi

Un altro genere di prenotazione fraudolenta, arriva da Cina, Medio Oriente e Russia. Anche queste presentano delle modalità simili di azione. Vengono effettuate con un anticipo di circa sei mesi e per un periodo di almeno 14 giorni. Vengono effettuati per richiedere dei visti con lo scopo di uscire dai vari paesi. Una volta ottenuto il visto, la prenotazione viene cancellata. In questo modo all’ albergatore o all’ host rimane un buco di 14 giorni.

Leggi anche:  Ristrutturare casa: renderla più sicura in 4 passaggi

Falsi documenti

Questa è una delle prenotazioni fraudolente più vecchia di tutte e nostro malgrado ancora la più attuale. Un ospite arriva in hotel con falsi documenti. Prima di saldare il conto sparisce. Questi sono truffatori seriali, e colpiscono diverse strutture in un periodo di tempo limitato prima che le generalità del soggetto iniziano a circolare.

E’ bene non essere mai superficiali quando si controllano i documenti e una buona conoscenza di alcuni elementi chiave per riconoscere un documento falso da uno vero aiuta certamente.

Se possiedi una seconda casa, e vuoi affittarla ma vuoi anche non correre rischi, affittarla per brevi periodi è di certo uno dei modi più vantaggiosi. Per farlo puoi affidarti ai professionisti dell’ affitto breve.

Ci occuperemo della tua casa come fosse la nostra. Contatta noi di Guesthero!

Comments are closed.