Modello RLI: come si compila e dove si trova - Guesthero

Modello RLI: come si compila e dove si trova

Il Modello RLI: è il modello per registrare e dichiarare all’Agenzia delle Entrate il contratto di locazione o di affitto.

Cos è il Modello RLI

Il Modello RLI (Registrazione Locazioni Immobiliari) è il documento con il quale si registrano i contratti di locazione presso l’Agenzia delle Entrate. Permette di scegliere di optare per il regime della cedolare secca.

Dal 3 febbraio 2014 il modello rli sostituisce il modello 69, ma non solo anche i modelli SIRIA, IRIS e Pacchetto Locazioni.

È disponibile e scaricabile direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate. È anche possibile inviarlo direttamente in via telematica, seguendo la procedura specificata sul sito dell’Agenzia.

Hai una casa a Milano? Contattaci per una valutazione per sapere quanto puoi guadagnare affittandola a breve.

Chiamaci 02 40741148 o compila il form di richiesta.

Di seguito sono descritte i 4 quadri di cui si compone il modello RLI.

Modello RLI: Quadro A

  • Pagamento intera durataÈ possibile scegliere se l’imposta di registro debba essere assolta per ogni annualità o per tutta la durata del contratto d’affitto. Per l’intera durata del contratto è prevista una riduzione dell’imposta in una misura percentuale pari alla metà del tasso di interesse legale, moltiplicato per gli anni.
  • Eventi eccezionali va barrata da chi fruisce di agevolazioni fiscali previste da particolari disposizioni normative .
  • Casi particolari è prevista per particolari necessità. inserite nel contratto. Codice 1: cambiamenti del canone per una o più annualità. Codice 2: se è presente un contratto di sublocazione. In tal caso non è possibile usare la cedolare secca, Codice 3: se sono previsti canoni diversi per una o più annualità, ma se è indicata l’assoluzione dell’imposta di registro per tutta la durata del contratto.

 SEZIONE I – Registrazione

Questa sezione del Modello RLI è per la richiesta di registrazione del contratto.

  • Numero canone
    Se sono presenti più immobili con canoni diversi, è necessario compilare tanti moduli quanti sono i canoni.
  • Ufficio territoriale
    In quale ufficio territoriale si presenta la richiesta di registrazione del contratto.
  • Tipologia di contratto
    Indicare il codice corrispondente alla tipologia di contratto riportata nella seguente tabella.
  1. L1 Locazione di immobile ad uso abitativo imposta di registro pari al 2%
  2. L2 Locazione agevolata di immobile ad uso abitativo. imposta di registro 2% del 70% del canone:
  3. L3 Locazione di immobile a uso abitativo (contratto assoggettato ad IVA) imposta € 67
  4. L4 Locazione finanziaria di immobile a uso abitativo imposta di registro € 200
  5. S1 Locazione di immobile a uso diverso dall’abitativo imposta di registro 2%
  6. S2 Locazione di immobile strumentale con locatore soggetto ad IVA con imposta all’1%
  7. S3 Locazione finanziaria di immobile a uso diverso dall’abitativo: € 200

 

 SEZIONE I – Registrazione: ulteriori informazioni

Bisogna inserire anche le seguenti informazioni:

  • Durata: del contratto
  • Numero pagine: del contratto.
  • Numero copie del contratto, (minimo una). Per chi richiede la registrazione all’ufficio territoriale deve munirsi di due originali, o un originale e una fotocopia.
  • Importo del canone:  l’ammontare del canone annuale. Se inferiore a un anno, indicare l’importo per tutta la durata del contratto. Se il canone varia, si indica l’importo del primo anno. In caso di contratto d’affitto va indicato l’ammontare complessivo del primo anno.
  • Data di stipula  del contratto .
  • Importo garanzia prestata da terzi: in caso di garanzia prestata da terzi, bisogna indicare l’importo.
  • Codice fiscale del garante: in caso di  garanzia prestata da terzi indicare i codici fiscali dei garanti.
  • Tipo garanzia
    codice 1 nel caso di fideiussione prestata da terzi;
    codice 2 nel caso di garanzie di terzi diverse dalla fideiussione.
  • Scritture private e inventari: Per ogni casella va riportato il numero di fogli o esemplari di cui si compone il tipo di documento da allegare al contratto per i quali è dovuta l’imposta di bollo. Il foglio si intende composto da quattro facciate, la pagina da una facciata. Se sono presenti allegati diversi dalle ricevute, come quietanze, mappe, planimetrie o disegni, questi vanno inseriti nella casella scritture private e inventari.
  • Esenzioni: se il contratto di locazione è esente da: imposta di bollo (codice 1), imposta di registro e di bollo (codice 2), imposta di registro (codice 3).
Leggi anche:  Cedolare secca contratto transitorio: come si paga?

SEZIONE II – Adempimento successivo

Da compilare solo in caso di adempimenti successivi per contratti già registrati, per scegliere se esercitare o revocare l’opzione per il regime della cedolare secca o per comunicare i dati catastali dell’immobile qualora non siano stati già oggetto di precedente comunicazione.

SEZIONE III – Richiedente

Qui bisogna indicare i dati del richiedente del contratto o della persona che richiede la registrazione del contratto oppure della persona che comunica l’adempimento successivo.

Modello RLI: Quadro B

SEZIONE I/II – Dati del locatore e del conduttore

Indicare:

  • Numero locatore: Per ogni locatore un numero d’ordine progressivo.
  • Codice fiscale
  • Comune (o Stato estero) di nascita
  • Soggettività Iva
  • CedenteCessionario: Va barrata se chi presenta il modello ha effettuato una cessione del contratto. Dovrà dunque specificare se ha agito in qualità di cedente o cessionario.

Modello RLI: Quadro C

Bisogna riportare le informazioni catastali:

  • Numero immobile: Riportare, per ciascun rigo, il numero in ordine crescente. In caso siano maggiori dei righi nel modulo, è possibile usare un altro modulo
  • Immobile / Pertinenza
    In questa casella inserire:
  1. Codice 1: per identificare l’immobile principale
  2. 2: per identificare la pertinenza locata insieme all’immobile principale
  3. 3: per identificare la pertinenza locata separatamente dall’immobile principale.
  • Codice Comune: riportare il codice del Comune scritto nel documento catastale, di 4 o 5 caratteri.
  • T/U (Terreni/Urbano): ‘T’ se l’immobile è inserito nel catasto terreni, ‘U’ se l’immobile è stato censito nel catasto edilizio urbano.
  • I/P (Intero/Porzione): ‘I’ se è un immobile intero (particella o unità immobiliare), ‘P’ se si tratta di porzione
  • Sezione urbana/Comune catastale: Riportare qui le lettere o i numeri indicati nel documento catastale, dove presenti.
  • Foglio: Il numero del foglio indicato nel documento catastale.
  • Particella: Scrivere il numero di particella, indicato nel documento catastale, composto da due segmenti di cinque e quattro cifre, separati da una barra spaziatrice.
  • Subalterno: Riportare qui il numero di subalterno indicato nel documento catastale, se presente.
  • In via di accatastamento: solo se l’immobile è in via di accatastamento. Se così, è necessario inserire solo i dati conosciuti dell’immobile e la rendita presunta.
  • Comune e Provincia: Indicare il Comune amministrativo e la sigla della provincia.
  • Categoria catastale: Indicare la categoria scritta nel documento catastale.
  • Rendita catastale: Indicare la rendita specificata nel documento catastale.
Leggi anche:  Case vacanze Milano - come funziona affitto? Guida

Modello RLI:Quadro D

Vale solo per le strutture ad uso abitativo. È qui che è possibile barrare per la cedolare secca.

  • Cedolare secca
    La cedolare secca è un regime fiscale opzionale, utile per chi affitta per brevi periodi (cioè meno di 30 giorni durante l’anno con lo stesso utente), La cedolare secca permette di non pagare le imposte di registro e di bollo; in più, il canone dell’affitto non si cumula con i redditi del dichiarante.
    Se si sceglie questa opzione, non ci deve essere alcuna modifica al canone di locazione per tutta la durata del contratto. L’affitto percepito contribuisce al reddito sul quale si calcolano deduzioni, detrazioni o altri benefici.
    Per poterne usufruire, l’immobile dev’essere accatastato in una delle categorie comprese tra A1 e A11, esclusa A10 (che fa riferimento a uffici o studi privati).
  • Dichiarazione dei locatori
    Per aderire o revocare il regime di cedolare secca bisogna compilare qui i campi compresi di documenti di identità e codice fiscale.

Il regime della cedolare secca può essere adottato anche nel caso in cui vi siano due o più persone fisiche titolari di diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento, in questo caso l’opzione della cedolare secca deve essere richiesta in maniera distinta dalle parti.

Sezione dichiarazione dei locatori

Tale sezione deve essere sempre compilata quando si sceglie il regime della cedolare secca. In questa sezione inoltre devono essere specificati codice fiscale e firma autografata di ogni locatore.

Procedura semplificata: trasmissione telematica del Modello RLI

La procedura semplificata del modello rli consiste nell’invio telematico del modello senza allegare copia del contratto. Si può usufruire della procedura semplificata solo se a certe condizioni:

  • numero di conduttori e locatori non superiore a tre;
  • una sola abitazione;
  • il contratto è stipulato tra persone fisiche che agiscono nel loro interesse e non per conto di altre imprese o agenzie;
  • il contratto si riferisce esclusivamente al contratto di locazione e non comprende altri accordi.

Calcolo e pagamento imposte

Le imposte da versare sono calcolate al  momento della registrazione. Tale versamento cambia a seconda che l’iscrizione sia svolta online o presso uno sportello.

Se fatta online il sistema chiederà gli estremi del c/c. In questo modo, le imposte calcolate saranno addebitate sul c/c al momento della registrazione. La ricevuta dell’importo versato andrà al contribuente.

Con la registrazione presso l’ufficio dell’agenzia delle entrate è possibile versare le imposte senza addebito sul conto con il modello F24 ELIDE.

Ricevute

Il servizio telematico alla fine del processo rilascerà una ricevuta contenente non solo la conferma del versamento delle imposte ma anche una comunicazione che conferma sia l’assenza di errori durante la registrazione, sia gli estremi del contratto e il numero di protocollo telematico. Le ricevute si trovano nella sezione “ricevute” dei servizi telematici Fisconline e Entratel. In caso di errore il sistema farà presente i motivi di scarto o gli eventuali problemi avvenuti durante la registrazione al sistema.

(Fonte: Agenzia delle Entrate)

Sei proprietario di casa e hai persone in affitto?

Hai mai pensato di rivolgerti ad un’agenzia per gestire gli affitti a breve termine?

Guesthero ti propone di dimenticare tutte le difficoltà dell’affitto  e lasciare a noi tutte le procedure di registrazione e gestione: chiamaci!