Locazione turistica Venezia e regione Veneto - Guesthero

Locazione turistica Venezia e regione Veneto

Locazione turistica per Venezia e regione Veneto corrisponde alla locazione di immobili o appartamenti per la sola finalità turistica. Per procedere è necessario che il contratto di locazione sia stipulato in forma scritta secondo quanto regolato dalla L.431/1998.

Locazione turistica Venezia: cosa è necessario sapere

Affinché l’immobile possa essere disposto per svolgere l’attività, è necessario che sia conforme alle norme igienico-sanitarie più quelle urbane-edilizie. Inoltre, le case devono essere strutture ricettive e non aperte al pubblico per le quali non è prevista l’erogazione di servizi. L’attività può essere svolta da persona giuridica e fisica, ossia più in generale, chiunque abbia la legittima disponibilità dell’alloggio. É importante osservare che, qualora il contratto coprisse un periodo maggiore ai 30 gg, questo dovrà essere registrato alla Agenzia delle Entrate, seguito dal versamento dell’imposta di registro.

Obblighi a carico del locatore

Di seguito riportiamo i principali oneri di cui il locatore si deve far carico, necessari per condurre l’attività, conformandosi alle norme previste.

Primo obbligo: comunicare la nuova locazione turistica

Necessariamente il locatore, a inizio attività, deve comunicare alla Provincia o alla Città di Venezia le seguenti informazioni. Primo il periodo in cui l’attività sarà svolta; successivamente quanti posti letto sono previsti e il numero di camere. Il modello di comunicazione da compilare della Regione Veneto può essere scaricato direttamente dal website della Regione Veneto o del Comune di Venezia. La procedura deve avvenire in via telematica tramite P.E.C. o email non certificata. Infine, per coloro i quali possiedo partita IVA per attività turistiche e ricettive, il processo può avvenire tramite il Portale del Commercio – SUAP.

Leggi anche:  Contratto affitto turistico: una guida

Secondo obbligo: adempimenti ai fini dell’IDS al Comune

Gli ospiti che permangono nelle strutture devono pagare le imposte di soggiorno (IDS). La loro riscossione e successivo versamento sono gestite direttamente dal locatore-gestore dell’immobile. L’intera procedura avviene completamente online: prima di tutto è necessario registrarsi al Portale dei Servizi del comune di Venezia. Successivamente, sempre tramite portale, andranno comunicati quanti pernottamenti sono stati effettuati durante il trimestre per poi riversarli. Sempre online, il locatore ha l’obbligo di comunicare cambiamenti dell’attività o eventuali cessazioni.

Terzo obbligo: presso la Questura con scopo di sicurezza pubblica

L’host ha inoltre l’obbligo di trasmettere le generalità degli ospiti. La comunicazione avviene attraverso il Portale della questura di Venezia. Tale processo deve essere necessariamente effettuato nelle 24 h seguenti all’arrivo dei guests.

Ultimo obbligo: comunicazione dei dati statistici dei guests

L’host deve periodicamente comunicare le informazioni riguardanti gli ospiti relativamente agli arrivi e alle presenze. Preventivamente alla trasmissione dei dati, il proprietario deve registrarsi al portale della Regione Veneto e conseguentemente inviare online le informazioni richieste. La procedura può essere effettuata sia di giorno in giorno che in un’unica volta mensile.

Locazione turistica a Venezia e il boom degli affitti a breve termine

Dopo aver brevemente analizzato gli adempimenti e oneri a carico del locatore, necessari per avviare la propria attività, esploriamo adesso il fenomeno degli Airbnb che fa da padrona alla Serenissima. Sempre più, infatti, sono le case piazzate su piattaforme come Airbnb e Booking. Ad oggi, avere un immobile a Venezia da affittare può rappresentare un fonte di profitto non indifferente. Numerosi sono i turisti, proveniente da tutto il mondo, che visitano questa città unica nel suo genere. In più, questo business è in continua crescita soprattutto adesso che ci troviamo nel periodo di carnevale e Venezia si veste di mille colori e maschere tipiche.

Leggi anche:  Contratto affitto turistico: una guida

Airbnb Property Manager: Guesthero

La gestione di Airbnb può risultare complicata, affidati a professionisti, affidati a Guesthero. Guesthero si occupa dell’intera gestione degli affitti brevi, sin dalla selezione ospiti fino al check-in, check-out, servizio di pulizie, gestione fiscale, creazione annuncio e gestione dei prezzi. Contattaci per avere maggiori informazioni riguardo la gestione di affitti brevi.