Locazione breve uso turistico
Locazione breve uso turistico, ecco a voi alcune info utili riguardo al tema della locazione breve a uso turistico che ogni proprietario di casa che vuole entrare in questo settore dovrebbe sapere.

Locazione breve, un tema che coinvolge molti lettori che non fanno altro che chiedere come fare a performare al meglio col proprio immobile. La locazione breve è una delle possibili soluzioni che possono soccorrere il proprietario di casa che voglia locare la propria seconda o terza casa . Per fare questo, ci sono alcuni consigli che dovreste seguire. Questo articolo serve, appunto, a farvi sapere quali possono essere le informazioni utili che possono servirvi e alcuni preti della locazione breve a fine turistico.

Locazione breve: cenni di fondo

L’affitto breve o locazione breve è una scelta molto coraggiosa e anche molto fortunata dal punto di vista economico . Ci sono informazioni delle quali dovreste essere al corrente per poter essere in grado al 100% di offrire un’esperienza di soggiorno a casa vostra che sia degna di giudizi positivi e  del costo che l’inquilino ha sborsato.

Ma prima alcune nozioni generali sul tema della locazione breve uso turistico.
[n1related i=”0″] Per locazione breve, in generale, si intende quella locazione di un immobile al fine abitativo che duri tra i 18 e 1 mese di tempo. Quindi l’affitto breve o locazione breve non ha nulla a che fare con il classico affitto che dura 4 anni, rinnovabili per altri 4 anni.

Invece, la locazione breve uso turistico è diversa anche rispetto alla locazione breve. Infatti,  questo tipo di locazione prevede un tempo inferiore a un mese. Ciò permette di garantire ai clienti un servizio fast, rapido. L’immobile può , per così dire, circolare tra diversi  inquilini che possono soggiornarvi per un breve periodo, ad esempio, appunto per una vacanza di piacere oppure per un periodo trascorso fuori casa per motivazioni legate alla propria professione.

La locazione breve ha, quindi, alcuni vantaggi rispetto alla locazione di luogo periodo dal punto di vista del guest. Permette a chi viaggia di prendere casa per un breve periodo, permette di trovare una casa, con l’atmosfera familiare che ad essa è generalmente legata , anziché un’asettica stanza all’interno di un complesso alberghiero, permette al proprietario di casa di poter contare, immancabilmente , sul fatto che il cliente uscirà dalla casa e pagherà tutto quanto.

Leggi anche:  Gestione Airbnb Milano, guida su come gestire l'appartamento

La locazione breve uso turistico ha vantaggi anche a livello economico, permettendo un ritorno veramente importante per i proprietari di casa che decidano di locare la loro abitazione affidandosi ai servizi di un sito che si occupa di queste cose. Per questo, la gestione Airbnb si diffonde sempre più velocemente, perché si uniscono le possibilità date dalla tecnologia col suo potere di connettere persone per formare mercati. Infatti, la gestione Airbnb , ossia l’uso di un account Airbnb per proporre a un vastissimo mercato potenziale il proprio appartamento. è una delle strategie più innovative e performative degli ultimi tempi a disposizione dei proprietari di casa.

Locazione breve : obblighi e accortezze

In primis, se voi affittate casa con Airbnb , non dovete far firmare al vostro inquilino un contratto scritto, a differenza di chi affitta casa per 30 o più giorni. Quindi, un semplice accordo su Airbnb, con uno scambio di denaro, è tutto quello di cui avrete bisogno per poter concludere un contratto d’affitto. Non c’è bisogno , quindi, della forma cartacea.

Sempre riguardo la locazione breve, dovete pagare le tasse sui proventi che vengono da questa fonte di reddito. Potete pagare la cedolare secca oppure pagare tramite IRPEF, ma generalmente, soprattutto per un privato, la tassazione tramite cedolare al 21% è più conveniente. E’ anche vero che questo pensiero ve lo potete togliere se sceglierete di affittare usando una piattaforma come Airbnb, che dal 1° giugno dell’anno 2017, per decreto legge n°50, funge da sostituto d’imposta, versando per voi tutti i soldi che dovreste all’erario.

Quindi, la locazione breve uso turistico diventa ancora più facile usando la gestione Airbnb.

Obblighi e grattacapi, chi ci pensa

Questo business continuo e dinamico deriva dalla possibilità di poter offrire anche migliore rispetto a quello delle classiche strutture alberghiere. Infatti, i clienti entreranno e usciranno in poco tempo dal vostro appartamento . Questa dinamicità si traduce in un importante impegno per il proprietario che voglia far tutto da solo. E’ vero che il do it yourself, soprattutto  durante questi anni di crisi, è diventato un must, spesso irrinunciabile, che porta con sé maggiore indipendenza economica, l’accumulo di esperienza e di nozioni che possono tornare sempre utili e la possibilità di realizzare un proprio sogno. Ma è anche vero che questo impegno può rivelarsi un’idrovora di tempo, soprattutto se l’appartamento è particolarmente performante. Quindi, una buona gestione Airbnb riguardo la locazione breve ,  proprio al fine di offrire un servizio degno del prezzo che si è stati disposti a pagare, va di pari passo con un dispendio in termini di energie e di tempo da dedicare alla cura del servizio e al mantenimento al meglio dell’immobile.

Leggi anche:  Contratto a breve termine: normativa e informazioni
Quali soluzioni per la locazione breve?

La locazione breve è , quindi, un argomento di grande attualità che desterà interesse ancora per molto tempo in tanti italiani. Infatti, mentre un esercito di case sfitto viene messo su piattaforme come Airbnb per poterne fare una fonte di reddito di , diventa sempre più urgente la richiesta di soluzioni dal punto di vista della gestione Airbnb. Questa esigenza si somma al dover star dietro alle altre problematiche che possono sorgere dal semplice possesso di una casa e che  ogni proprietario deve saper fronteggiare con i mezzi a propria disposizione. Quanto più la gestione Airbnb per locazione breve viene resa al pubblico garantendo pernottamenti di valore in una casa, tanto più essa verrà giudicata positivamente dagli inquilini. E attraverso queste valutazioni positive , voi potrete porre un prezzo d’affitto superiore e,quindi, garantirvi un ottimo ritorno sull’investimento.

Farsi aiutare da specialisti del settore locazione breve

Infine, per poter ottimizzare tutto al meglio, ridurre i tempi di gestione Airbnb di moltissimo e aumentare i propri profitti , un buon proprietario di casa può pensare di farsi aiutare nella gestione da dei professionisti del settore, con esperienze e background adatti a garantire a voi e agli inquilini soddisfazione e qualità.

Per questo, vi invitiamo a contattare noi di Guesthero .

 

Comments are closed.