IMU e affitti brevi: adempimenti fiscali e scadenze | free web hit counter

IMU e affitti brevi: adempimenti fiscali e scadenze

IMU e affitti brevi: il 17 dicembre 2018 è la data di scadenza per il pagamento della seconda rata dell’ Imu e della Tasi. Gli interessati a dover effettuare i versamenti saranno i proprietari di prime case di lusso e di immobili diversi dall’abitazione principale e deve essere effettuato attraverso il modello F24. La tassa non deve essere, pertanto, pagata dall’inquilino dell’immobile in caso di affitto breve. Scopri insieme a Guesthero le modalità di pagamento dell’IMU per il tuo immobile.
[n1related i=”0″]

IMU, definizione e scadenze

L’IMU è l’imposta dovuta sul patrimonio immobiliare. Al valore di ogni singolo immobile, solitamente determinato in base alla sua rendita catastale, si applica una aliquota stabilita dal Comune in cui l’immobile si trova. L’IMU è una imposta entrata in vigore dal 1° gennaio 2012 in sostituzione di ICI, Irpef dovuta sugli immobili non locati e relative addizionali regionali e comunali.

Differenza IMU e ICI

L’IMU si differenzia pertanto dall’ICI, in quanto tributo sostitutivo di imposte dirette (l’IRPEF sugli immobili) e ripartito fra l’erario (lo Stato),  e il singolo comune, al quale spettava, nella norma ora modificata, il 50% dell’imposta sugli immobili diversi dalla abitazione principale e, delle relative pertinenze, dei fabbricati rurali ad uso strumentale.
Attualmente è invece previsto che l’intera imposta sia riscossa dal comune, ad eccezione degli immobili classificati nel gruppo D, cioè immobili ad uso produttivo, come capannoni, alberghi, ecc.

Differenza IMU e TASI

Per legge gli inquilini devono pagare una quota della TASI (tassa sui costi indivisibili del comune). Innanzitutto, la TASI va ripartita tra il proprietario e il coinquilino; di conseguenza l’ospite andrà a pagare una quota che varia dal 10% al 30%. Il proprietario, a sua volta, pagherà quindi una quota che varia dal 70 al 90%. La TASI è una tassa locale e quindi le percentuali vengono stabilite dal regolamento TASI 2018 del comune dove si trova l’appartamento.

Leggi anche:  Guida all'affitto breve: come gestire affitti casa

La legge di Stabilità 2016 ha apportato alcune modifiche e distinzioni:

  • Quando il proprietario ha adibito il suo immobile ad abitazione principale, dovrà pagare la TASI  per tutto il suo ammontare;
  • Se l’immobile non è stato adibito ad abitazione principale, la TASI andrà ripartita tra inquilino e proprietario;
  • Nel caso in cui l’appartamento venga affittato per un periodo inferiore ai 6 mesi (anche non consecutivi) in un anno, la TASI è dovuta interamente dal proprietario. In caso contrario, quindi se la locazione supera i 6 mesi, l’inquilino dovrà pagare una quota della TASI.

Seguendo questa logica, sugli affitti brevi la tassa è completamente dovuta dal locatore proprietario, considerando che per un singolo ospite la durata della locazione non può superare i 30 giorni per gli affitti turistici non imprenditoriali.

Calcolo IMU e affitti brevi 2018

Il pagamento dell’IMU viene effettuato tramite il modello F24 oppure tramite apposito bollettino postale centralizzato per gli immobili dello stesso comune. Vediamo di seguito le modalità di pagamento.

Quando pagare IMU sugli affitti brevi

I soggetti che presentano la dichiarazione dei redditi e quelli che non sono tenuti, nonché  coloro che presentano il modello 730 devono adempiere indistintamente al versamento tramite F24.

Il versamento è effettuato in 2 rate scadenti rispettivamente il 16 giugno e il 16 dicembre oppure in una unica soluzione entro il 16 giugno.

L’importo della rata può variare in base alle aliquote deliberate dal Comune. L’importo in acconto si determina con le aliquote approvate per l’anno precedente, mentre il saldo avviene in base alle aliquote deliberate per l’anno in corso se pubblicate dal Comune dove si trova l’immobile entro il 28 ottobre.

L’importo minimo annuale al di sotto del quale non si effettua il versamento è di 12 euro.

Leggi anche:  Gestione case vacanze: normative e costi

Se il contribuente opta per il pagamento tramite F24 di un importo superiore a 1.000 euro, deve utilizzare le modalità telematiche di invio tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate, o tramite i servizi resi da banche e Poste Italiane.

Pagamento Imu in ritardo

Se l’Imu non viene pagato o viene pagato in ritardo, il proprietario può avvalersi del ravvedimento. E’ infatti previsto dall’articolo 13 del decreto legislativo 471 che eventuali ritardi o dimenticanze possano essere sanate.

La legge di stabilità del 2015 ha integrato i tipi di perdono previsti dall’articolo 13 intitolato “ravvedimento”. Nello specifico è stato definito che la sanzione sia ridotta a un nono del minimo se il ravvedimento degli errori e delle omissioni, viene fatto in maniera spontanea entro 90 giorni dalla data delle omissioni o dell’errore.

Affidati ai consigli di Guesthero

Siamo una società specializzata nella gestione degli affitti a breve termine. Con i nostri servizi, che comprendono una gestione in loco dell’appartamento nonché una gestione online sui principali portali quali Airbnb e Booking, solleviamo i nostri clienti da ogni onere gestionale permettendogli di massimizzare i loro guadagni.

Abbiamo visto quanto può essere difficile gestire gli adempimenti fiscali e burocratici relativi al tuo appartamento in affitto breve e quanto la normativa può essere mutevole. Risulta quindi di fondamentale importanza avere la consulenza di esperti del settore come il team di Guesthero. Tra i nostri servizi, un pacchetto di gestione completa, attivo nelle città di Milano e Torino.

Pacchetto di gestione All-Inclusive

Il pacchetto di gestione completa copre tutte le fasi di affitto breve del tuo appartamento, comprendendo:

  • Gestione annunci su portali come Airbnb e Booking
  • Gestione recensioni e pagamenti
  • Accoglienza ospiti (Check in e Check out)
  • Servizio di pulizia e cambio biancheria professionale
  • Photoshoot professionale dell’appartamento
  • Gestione adempimenti burocratici (registrazione ospiti in questura con portale alloggiati)
  • Pacchetto assicurativo

Valutazione dell’immobile

Contattaci per una valutazione del tuo immobile da parte di un’esperto per iniziare con il piede giusto a guadagnare con gli affitti brevi.

2 Comments

  1. Antonella-Reply
    6 gennaio 2019 at 11:46

    Buongiorno, dal 1 Febbraio di quest’anno diventiamo proprietari di un monolocale a RivaTrigoso (Sestri Levante). Vorremmo sapere se operate anche in quella zona. Grazie Antonella & Massimo

    • Guesthero-Reply
      7 gennaio 2019 at 11:26

      Buongiorno Antonella,
      operiamo anche in Liguria, ci può contattare al numero 0240741148 per avere maggiori informazioni.

      Buona giornata,
      Team Guesthero

Leave A Comment