Guida affitto Airbnb: scopri come affittare casa con Airbnb

Hai aperto un account su Airbnb? Ecco la nostra guida affitto Airbnb.

Guida affitto Airbnb

Gestire l’account di Airbnb non è semplice, richiede tempo e professionalità. Qui sotto sono elencati alcuni esempi per aiutarti a gestire Airbnb.
[n1related i=”0″]

Annunci Airbnb

Scrivi un’accurata descrizione dell’alloggio: deve essere sintetica, ma al tempo stesso completa di tutti i dettagli delle caratteristiche e dei servizi disponibili. E’ importante anche specificare se in casa si accettino animali.

Fai fotografie in alta risoluzione con inquadrature differenti, per poter dare l’idea della grandezza dell’alloggio e mostrare tutti gli elementi citati nella descrizione poiché determinanti nella decisione iniziale. Il consiglio è quello di pubblicarne da un minimo di 5 ad un massimo di 15.

Per individuare il prezzo più adeguato per il tuo alloggio devi innanzitutto analizzare i prezzi di alloggi simili nei dintorni e poi diminuirlo del 10% circa. Nel caso in cui la casa si trovi al mare o in montagna si possono fissare due prezzi, uno per l’alta stagione e l’altro per la bassa stagione. Se è la prima volta che affitti può essere una buona idea abbassare le tariffe per rendere più interessante la tua offerta e fare esperienza con la piattaforma.

Manuale appartamento

È importante ricordarsi di lasciare in vista all’interno della casa un piccolo manuale per gli ospiti in cui indicare:

  • i numeri di emergenza
  • il numero personale, al quale essere sempre reperibile
  • il regolamento relativo alle aree comuni del palazzo
  • se è permesso o no fumare
  • se è possibile invitare gente a casa ed eventualmente quali regole seguire
  • regolamento in caso di per bambini
  • la presenza di aree all’aperto per gli animali (se ammessi) e le usanze locali ad essi relative
Leggi anche:  Cane che abbaia in affitto: responsabilità

Tassazione Airbnb

Per sapere cosa dice il regolamento in materia di tassazione bisogna tenere presente la durata del soggiorno, l’occasionalità della prestazione e i servizi offerti. Se non vengono offerti servizi (pulizia, pasti) si tratta di locazione ad uso turistico, anch’esso da redigere in forma scritta e re registrare all’Agenzia delle Entrate.

Se, invece, la durata del soggiorno non supera i 30 giorni complessivi, non è previsto alcun pagamento di imposta di registro e alcun tipo di obbligo a carico del locatario o dell’affittuario e quindi neanche il contratto scritto.

L’host deve consegnare all’ospite una ricevuta in cui siano riportate le generalità del proprietario, dell’affittuario, l’importo e la durata del soggiorno.

La somma dei canoni di locazione dovrà poi essere soggetta a tassazione Irpef e dovrà essere riportata nella dichiarazione dei redditi.

Sono previsti altri adempimenti, quali la comunicazione alla Questura delle informazioni inerenti gli ospiti e il pagamento della tassa di soggiorno, in base ai regolamenti comunali.

Affida la gestione Airbnb a Guesthero

A proposito di affitto breve e di Airbnb, è nata Guesthero, una società specializzata proprio nella gestione dell’affitto breve in maniera completa (gestione profilo tramite varie piattaforme online, check-in, check-out, manutenzione e servizio di pulizia).

Scopri i nostri servizi di gestione completa.

Comments are closed.