Gestione casa Airbnb: affittare a breve termine guida free web hit counter

Gestione casa Airbnb: affittare a breve termine guida

Gestione casa Airbnb –  sono sempre di più i proprietari di immobili sfitti o seconde case che decidono di mettere a reddito affittando il proprio appartamento per brevi periodi. Il successo di piattaforme come Airbnb e Booking sono l’esempio di come questa tipologia di affitti sia sempre più ricercata.
[n1related i=”0″]

Cosa sono gli affitti brevi

Gli affitti brevi sono un’alternativa agli affitti tradizionali i quali non prevedono vincoli temporali così rigidi per i proprietari come quelli tradizionali. Con questa tipologia di affitti, il soggiorno degli ospiti sarà da 2 ad un massimo di 29 notti. Il proprietario in questo caso non diventa affittuario ma direttore della casa perchè è come se si trasformasse l’abitazione in affitto in una specie di “impresa” per guadagnare.

Le tipologie di contratto per gli affitti brevi sono due:

  • affitto breve turistico: il soggiorno non deve superare i 30 giorni
  • affitto transitorio: soggiorno con durata superiore ai 30 giorni ma non supera i 18 mesi

gestione casa airbnb

Quali sono i vantaggi

Scegliere la formula degli affitti brevi per la gestione casa Airbnb permetterà all’host di godere di svariati vantaggi:

  • flessibilità: il proprietario potrà accedere al suo appartamento quando lo desidera con il giusto preavviso
  • nessun rischio di morosità: grazie ai pagamenti anticipati
  • agevolazioni fiscali: con l’opzione della cedolare secca al 21%
  • soggiorno limitato: nel caso di inquilino poco gradito non soggiornerà per un lungo periodo

Rispetto agli affitti tradizionali, affittare il proprio appartamento per un breve periodo sarà più redditizio in quanto gli ospiti che vi soggiorneranno devono sempre pagare in anticipo e il loro soggiorno sarà minore di quello di un inquilino stabile.

Leggi anche:  Affitti temporanei a Milano: guida sull'affitto breve

La normativa

Gli affitti brevi per la gestione casa Airbnb sono regolati dal decreto legislativo del 2017 il quale definisce la locazione turistica e prevede l’applicazione della cedolare secca per questa tipologia di locazioni. I dati del contratto dovranno poi essere comunicati all’Agenzia delle Entrate.

Perchè scegliere gli affitti temporanei?

Considerando alcune statistiche fatte dall’Istat nel 2017, gli appartamenti in affitto breve sono aumentati del 58% nell’arco di dieci anni, passando da 68.129 a 107.366. Questi dati dimostrano che esiste un trend in salita nella trasformazione delle locazioni turistiche in un vero e proprio business, infatti sono molti i proprietari che decidono di acquistare immobili proprio a scopo di investimento.

gestione casa airbnb

La gestione casa Airbnb in affitto breve è un’occasione soprattutto per quei proprietari che possiedono un immobile in città come Milano, Roma, Firenze, Venezia ecc. Città che spesso ospitano eventi come concerti, mostre e fiere.

Requisiti per iniziare l’attività

Prima di iniziare l’attività di locazione è necessario che il proprietario si occupi delle procedure burocratiche ed amministrative che richiedono la presentazione di alcuni documenti come:

  • CAV (documento di inizio attività) da richiedere al comune di residenza
  • registrazione su SUAP e MDA per registrare poi gli ospiti in Questura
  • dichiarazione ISTAT
  • registrazione sulla piattaforma GEIS per il versamento delle imposte riscosse dagli ospiti

Una volta terminata questa fase, il proprietario dovrà disporre di una dichiarazione di conformità a regola rispetto l’impianto del gas ed elettrico.

Annuncio online

Dopo che tutte le procedure sono state svolte bisogna rendere visibili l’annuncio del proprio appartamento su piattaforme come Airbnb e Booking. Gli ospiti si affidano principalmente a queste due piattaforme che consentono di individuare la soluzione del soggiorno più adatta alle loro esigenze. Airbnb e Booking per la creazione dell’annuncio, prevedono la registrazione dell’host con la creazione di un account dal quale potrà gestire le prenotazioni, la messaggistica con gli ospiti ecc.

Leggi anche:  Sincronizzare calendario airbnb: gestione affitti

Quali sono le soluzione relative alla gestione

La gestione casa Airbnb è un’attività che richiede tempo e dedizione, ma purtroppo non sempre tutti i proprietari ne hanno. Se non si vuole rinunciare alla strada degli affitti brevi esiste un altro metodo che vi permetterà di guadagnare con più facilità e meno responsabilità. Questa strada è quella della gestione dell’appartamento da parte di un property manager.

In questo modo tutte le procedure necessarie per l’avvio, ma non solo, dell’attività verranno gestiti da un team di professionisti del settore che hanno tutte le conoscenze del mercato per garantire una maggiore rendita della vostra casa in affitto.

gestione casa airbnb

Guesthero

Guesthero è un’azienda specializzata nella gestione degli affitti brevi e opera principalmente a Milano. Offre diverse tipologie di servizi come ad esempio la gestione online che può essere gestita per tutti gli appartamenti che si trovano in Italia. L’obiettivo dell’azienda è quello di far crescere il numero delle prenotazioni, aumentando la visibilità e lo stesso rendimento dell’appartamento in gestione.

Guesthero offre diverse tipologie di servizi in base al pacchetto che viene selezionato: all inclusive o online, ma non solo.

Servizi aggiuntivi

Tra i servizi aggiunti o extra che vengono offerti a quei proprietari che riescono a gestire il loro appartamento ma hanno bisogno di un’assicurazione o di qualcuno che si occupi delle pulizie:

Se sei interessato agli affitti brevi, contattaci e fisseremo un appuntamento per una valutazione del tuo immobile.

 

Comments are closed.