Doppio incarico: affitto breve gestione temporanea

Doppio incarico: affitto breve gestione temporanea

Affittare appartamenti tramite affitti brevi è una pratica ampiamente utilizzata da proprietari di casa che desiderano massimizzare la redditività dei loro appartamenti sfitti. Alcuni di loro, nel caso in cui non avessero tempo da dedicare a tale attività, hanno già deciso di affidarsi a property manager che gestiscano l’immobile per conto loro. Tuttavia, c’è un’ulteriore possibilità per sfruttare appartamenti sfitti. Le società immobiliari, infatti, potrebbero sfruttare una sorta di doppio incarico per una gestione temporanea dell’affitto breve.

Affitti brevi

Innanzitutto è bene chiarire cosa intendiamo per affitti brevi. Si tratta dell’affitto temporaneo e non imprenditoriale di un immobile per un periodo tra le 2 e le 29 notti. Molto spesso vengono utilizzate piattaforme che facilitano l’affitto di appartamenti tramite affitti brevi, aumentandone la visibilità. Tra queste annoveriamo le cosiddette OTA (Online Travel Agencies) che, gradualmente, stanno sostituendo coloro che si occupano fisicamente di organizzare vacanze altrui in uffici organizzati.

Per gli ospiti, prenotare un appartamento tramite affitto breve offre numerosi vantaggi. Innanzitutto non saranno compromessi dagli orari degli hotel, soprattutto per quanto riguarda i pasti. Infatti potranno godere dell’appartamento sentendosi a casa (ovviamente rispettandone le regole). Inoltre, soprattutto nel caso in cui non si tratti di un viaggiatore solo, si potrà ammortizzare il prezzo, che dunque risulterà minore rispetto a quello delle strutture alberghiere, a livello individuale.

Anche il proprietario, cosiddetto host, potrà godere di numerosi vantaggi. Innanzitutto avrà una redditività superiore rispetto all’affitto tradizionale data dal fatto che all’alloggio verrà applicato un prezzo altalenante che varierà in modo dinamico in base al periodo dell’anno, alle festività e agli eventi della località in cui si trova. Inoltre eviterà ritardi nei pagamenti e inquilini morosi, in quanto il pagamento avviene in modo automatico e anticipato tramite la stessa piattaforma. Infine, l’immobile subirà una minore usura, considerando che gli inquilini, soggiornando solo per brevi periodi, non sentiranno la necessità di personalizzare la casa come invece avviene per gli affitti a lungo termine.

Leggi anche:  Controllo casa: come ristrutturare trovando i problemi da risolvere

doppio incarico

Affitti brevi: doppio incarico

Quella del doppio incarico è una novità appena approdata sul mercato immobiliare. Di cosa si tratta? Molto spesso le agenzie immobiliari, prima di vendere gli immobili li detengono per diversi mesi. Questo è il momento migliore per sfruttarli affittandoli tramite affitti brevi. In questo senso il mandato di vendita e gestione dell’affitto breve si fondono per un periodo di tempo. Tale attività è stata introdotta da The Best Rent, Property manager Milanese di successo. L’idea è quella di convertire l’attesa della vendita in una redditizia opportunità per guadagnare.

Come spiega il Ceo di The Best Rent, l’idea sarebbe emersa «guardando a una fetta importante dei nostri clienti, molti dei quali risiedono per lavoro all’estero, spesso indecisi tra vendere o proseguire con l’affitto. Lo abbiamo proposto e l’accoglienza è stata ottima, con già una decina di operazioni concluse».

Ovviamente si tratta di un tema molto caldo, dal momento che non tutti i contratti sono uguali, e nemmeno tutti gli immobili lo sono. Innanzitutto bisogna specificare che alcune persone decidono di continuare a vivere nel loro appartamento in vendita fino al momento in cui non trovano un’altra soluzione abitativa. In questo caso ovviamente non sarà possibile applicare il doppio incarico. Inoltre, è bene sapere che esistono pareri contrastanti riguardo la suddetta pratica.

Doppio incarico: pareri

I sostenitori del doppio incarico affermano che, nei casi ove tale pratica sia applicabile, apporti un grande guadagno all’agenzia, considerando che normalmente, prima che un immobile venga venduto, trascorrono diversi mesi. Inoltre aumenta notevolmente anche la visibilità dell’appartamento, che viene registrato sulle principali piattaforme OTA (Online Travel Agencies).

Leggi anche:  Come affittare case: semplici passi da seguire

D’altra parte qualcuno ha espresso pareri negativi riguardo il doppio incarico. Infatti, andrebbe contro il fine ultimo dell’agenzia stessa: vendere l’appartamento nel più breve tempo possibile. Sarebbe infatti necessario adattare il calendario degli appuntamenti per il mandato di vendita al calendario dell’affitto breve. Tale pratica inoltre necessita tempo e persone che possano dedicare la loro attività agli ospiti, il che comporterebbe un rallentamento del lavoro finalizzato alla vendita.

Alla luce di entrambe le facce della medaglia è bene che ogni agenzia tragga le proprie conclusioni in base alle condizioni in cui opera per comprendere le la pratica del doppio incarico possa fare al caso proprio.