Donazione immobile : costi notarili e altri obblighi da adempiere free web hit counter

Donazione immobile: costi notarili e obblighi da adempiere

Per la donazione immobile sono previsti costi notarili e non solo.  Ci sono vari adempimenti da seguire per poter fare una donazione immobile a norma di legge.

Sarà capitato a molti di ricevere un immobile. C’è chi lo riceve in seguito a lascito testamentario e chi in seguito alla donazione immobile,  ad esempio, da parte di un parente prossimo, come un genitore. 

Questa guida servirà ad illustrare i costi inerenti alla donazione immobile e daremo anche uno sguardo agli obblighi di coloro i quali donano un immobile.
[n1related i=”0″]

Cosa è la donazione

La donazione può essere di due tipi, in base ai doveri a cui bisogna adempiere per poterla realizzare: diretta e indiretta. 

La donazione diretta è soggetta a una maggiore complessità e maggiori costi rispetto alla indiretta. Viene definita come un contratto tramite il quale un soggetto , quello che nel gergo giuridico viene indicato come donatario, riceve un bene da parte di colui che glielo dona, che viene definito come donante.

Questo contratto potrà coinvolgere beni, che vengono donati, di varia natura, eccetto che quei beni che sono altrui o quelli futuri. Anche alcuni diritti possono essere soggetti a contratto di donazione. Tra i diritti possiamo annoverare quello di usufrutto, ossia il diritto reale minore che consiste nel poter godere di tale immobile, abitandovi e goderne i frutti, senza mutarne la destinazione economica decisa da colui che detiene la nuda proprietà dell’immobile stesso.

Cosa serve per fare una donazione diretta

Il contratto di donazione diretta dovrà essere trascritto dal notaio, dopo averlo stipulato, e dovrà anche essere volturato, ossia annotato,registrato presso il catasto.

Una donazione rappresenta un contratto molto delicato, dato la posta in gioco, ossia un immobile . La donazione immobile, quindi, per legge dovrà essere fatta dal notaio con atto pubblico e alla presenza di un paio di testimoni. 

Leggi anche:  Affitti temporanei Firenze: una breve guida sui siti più famosi

Se il notaio si occuperà della donazione di un immobile dovrà mettere assieme all’atto di donazione che avrà redatto il Certificato di Destinazione Urbanistica.

Il notaio, per portare a termine la donazione, dovrà , se si parla di un immobile, indicare i dati riguardo le autorizzazioni urbanistiche, riferirsi alle planimetrie che si trovano presso il catasto  e dichiarare che esse corrispondano alla realtà, indicare quelli che sono i cosiddetti dati catastali.

Fate attenzione se l’immobile che state donando si dovesse trovare in un condominio  e premuratevi di mandare copia autentica: in tal caso, infatti, la donazione immobile comporta la responsabilità in solido delle parti coinvolte nel contratto di donazione per quanto riguarda le spese inerenti al condominio stesso, fin quando non si sia mandata una copia all’amministratore.

Spese per quanto riguarda la donazione immobile

Tra le spese che dovrete sostenere per una donazione immobiliare ci sono quelle catastali ( 1%)e ipotecarie (2%) più l’imposta di donazione, la quale cambia in base a colui che riceve il bene che viene donato dal donante. Infatti, se il donatario è un parente di primo grado, esclusi i fratelli, si parlerà di un’imposta del 4% con una franchigia di 1 milione di euro. Nel caso dei fratelli, la franchigia è un decimo, ossia 100 mila, però la tassa è al sei per cento, come lo è nel caso di donazioni a soggetti con cui si ha un grado di parentela fino al 4°, per i quali però non viene applicata la franchigia. Una donazione, invece, a chi non fa parte di nessuno dei gruppi sopramenzionati vedrà una tassazione dell‘8%.

Leggi anche:  Airbnb sicuro , come Airbnb protegge i clienti e i pagamenti

Ci sono anche altre spese, come :

  • costi delle varie visure, che non sono predeterminati;
  • tassa per l’archivio notarile;
  • compenso per il notaio, che può dipendere in base al valore dell’immobile oggetto della donazione;
  • imposta di bollo (comporta una spesa di 230 euro);
  • diritti per la trascrizione ipotecaria ( altri 90 euro da spendere).

 

Riguardo la donazione indiretta

Non esiste solamente la donazione diretta, di cui abbiamo parlato prima. Esiste anche un altro tipo di donazione in Italia, che si chiama donazione indiretta. 

La donazione indiretta è quel tipo di donazione che prevede che un soggetto comperi un bene per far si che il donatario ne diventi possessore , intestandoglielo direttamente all’acquisto.

La donazione indiretta presenta dei vantaggi per via del fatto che il passaggio di proprietà è solamente uno, ossia acquistando il bene dal compratore. In secondo luogo, questo tipo di contratto può avvenire anche solo verbalmente e ciò , quindi, evita a chi ne faccia uso il pagamento delle spese notarili.

Se cercate altre informazioni riguardo questo argomento e volete delle delucidazioni, non esitate a contattare noi di Guesthero .

 

 

 

 

Comments are closed.