Contratto affitto appartamento arredato: come funziona - Guesthero

contratto affitto appartamento arredatoIn questo articolo analizziamo il contratto affitto per appartamento arredato. Si tratta di una formula molto frequente nel caso di affitti transitori, ovvero affitti con una durata intermedia fra 1 e i 18 mesi. Si tratta di contratti che risultano molto comodi per i futuri inquilini in quanto appunto non saranno necessarie spese aggiuntive per poter abitare l’immobile. La maggior parte di affittuari aspira a questa soluzione. Tuttavia può rientrare nell’interesse del proprietario di casa limitare l’uso dei beni a disposizione.

Vediamo qui la normativa in questo ambito.

Contratto affitto appartamento arredato: a quali contratti  si puo’ applicare

La prima domanda a cui rispondere, seppur in apparenza banale, è certamente: quando è possibile applicare limitazioni nell’uso del mobilio dell’immobile? In base al nostro ordinamento è sempre possibile inserire questo tipo di limitazioni. Ovvero sia le locazioni a canone concordato (4+4), sia le locazioni ad uso transitorio, sia le locazioni per studenti universitari possono essere utilizzate per la locazione di immobili ammobiliati.

Contratto affitto appartamento arredato: come si scrive e cosa controllare

Innanzitutto è importante sottolineare che prima di scrivere l’accordo è necessario decidere se l’inquilino puo’ accedere a tutto l’arredo. In caso contrario, è necessario definire con precisione cosa è disponibile all’uso e cosa no. Farsi domande semplici come: la televisione è a disposizione? La libreria? Gli armadi? La cassettiera.
Queste considerazioni preliminari sono fondamentali.

Poi è possibile passare alla fase successiva. In entrambe le casistiche sopracitate è importante redarre la cessione dell’uso della mobilia. Si tratta appunto di trasportare in forma scritta quanto deciso nella fase precedente. E’ fondamentale che tale specificazione contenga nello specifico la lista di tutti gli arredi concessi in uso, in modo da evitare possibili futuri fraintendimenti.
Tale documento può essere contenuto nel:
– contratto stesso di locazione come clausola o come allegato
– in un documento separtao allegato al contratto stesso

Ricorda: la precisione e l’accuratezza nello scrivere questo documento sono fondamentali. So perfettamente di averlo già scritto ma ripeterlo vi aiuterà a fissare questo punto. Infatti una cessione d’uso ben scritta è alla base di una relazione piu’ pacifica fra proprietario e futuro inquilino.

E’ inoltre importante accertarsi dello stato di conservazione dei beni dati in cessione. Infatti, un controllo preventivo, permetterà di dissipare qualsiasi futuro dubbio nel caso di rottura di qualche elettrodomestico o di futuri malfunzionamenti.

A questo proposito è fondamentale ricordare le regole base per la manutenzione.  Infatti: l’ordinaria manutenzione spetta all’inquilino, mentre la straordinaria manutenzione spetta al proprietario. C’è tuttavia un “però”. Ovvero: nel caso si tratti di straordinaria manutenzione, ma la manutenzione sia dovuta ad un cattivo uso da parte dell’inquilino, questa spetta all’inquilino. Ad esempio, se l’impianto di riscaldamento si rompe spetta al proprietario sistemarlo, a meno che la rottura non sia dovuta ad una condotta impropria da parte dell’inquilino.

Per questo risulta importante un inventario preventivo!

Guesthero

In questo articolo abbiamo illustrato solo alcuni degli aspetti principali del contratto affitto appartamento arredato. Ci sono moltissimi altre variabili da considerare, come ad esempio l’imposta di registro e la normativa ad essa connessa. Per questo ti consigliamo di affidarti ad esperti nel settore, che sapranno aiutarti dissipando ogni tuo dubbio a riguardo!

Contatta Guesthero e prenderemo in gestione il tuo immobile in modo da garantirti la piu’ alta rendita possibile. Scopri nel nostro sito tutti i servizi inclusi nel nostro pacchetto.