Commissioni airbnb booking: quanto e come pagarle? free web hit counter

Commissioni airbnb booking: quanto e come pagarle?

Commissioni Airbnb Booking: Airbnb e Booking sono portali di intermediazione online che i proprietari di appartamenti in affitto breve spesso utilizzano per ottenere visibilità presso i potenziali ospiti. Questi canali di ricerca/vendita guadagnano sulle commissioni applicate a chi affitta sui loro portali, i così detti Host (proprietari). Scopri quali sono le principali commissioni Airbnb Booking e le modalità di pagamento con Guesthero.

Portali online Affitti Brevi

Dietro il successo degli affitti a breve termine, che registrano rendimenti sempre più elevati, c’è sicuramente l’intermediazione di piattaforme online come Airbnb e Booking che collegano domanda e offerta sul mercato delle locazioni a breve termine. Vediamo in dettaglio di cosa si occupano i due portali e qual’è il loro approccio al mercato dell’affitto turistico non imprenditoriale. 

Booking

Booking.com si è approcciato solo da poco al mondo degli appartamenti con la possibilità di poter utilizzare l’intermediazione del portale non solo per gli hotel ma anche per gli appartamenti. E’ stato anche fatto di più con la creazione di un secondo network in stretta relazione con il principale con il nome di Villas.com. Questo network vende soltanto appartamenti o case per ferie senza la necessità di inserire due volte la struttura, visto che i suoi dati vengono presi direttamente da Booking.com.

Airbnb 

Da qualche anno in più esiste invece Airbnb. Questo portale online consiste in una piattaforma che mette in contatto i potenziali ospiti che ricercano un alloggio o una camera per brevi periodi con persone che dispongono uno spazio extra da affittare, generalmente privati. Almeno l’intento iniziale è stato questo, ma successivamente  il sito si è arricchito anche di appartamenti turistici mischiando così appartamenti privati e turistici. Qual è la differenza sostanziale tra i due? Nel primo caso è una persona privata che intende affittare un proprio spazio, a volte anche solo una camera all’ interno del proprio appartamento, mentre nel secondo caso l’appartamento è più professionale e chi vende lo fa di mestiere.

Leggi anche:  Superhost Airbnb: come diventarlo con Guesthero

Commissioni Airbnb Booking

Per la loro intermediazioni Airbnb e Booking richiedono delle commissioni per chi decide di farne uso per locare i propri appartamenti;

la commissione che viene applicata su Airbnb a è molto più bassa rispetto a quella di Booking, circa il 3% contro il 15/17%. Come mai tale differenza? Booking, privilegiando meccanismi di visibilità, può trattenere una percentuale che varia dal 15 al 30%. Il portale permette di aumentare il valore della commissione; ciò significa che l’annuncio potrà migliorare il proprio ranking sui risultati di ricerca e dunque sarà visibile da un numero maggiore di utenti.

Airbnb trattiene direttamente la commissione dall’importo dovuto all’ host, a differenza di Booking la cui commissione dovrà essere pagata a parte dal proprietario alla fine del mese.

Tassazione Airbnb Booking

Come precedentemente sottolineato, molti proprietari si affidano all’intermediazione dei portali online Airbnb e Booking per ottenere visibilità presso i potenziali ospiti pagando una commissione. Oltre alla commissione, è importante sapere che i portali che intermediano la locazione si trasformano in sostituti di imposta, trattenendo il 21% del canone come acconto. Si parla in questo caso del regime fiscale sostitutivo della cedolare secca.

Cedolare secca che cos’è

La cedolare secca, come detto, è un regime opzionale di tassazione sostitutiva. Si tratta di una forma di tassazione sostitutiva, il cui pagamento sostituisce gli addizionali Irpef, l’imposta di registro e l’imposta di bollo.

Ciò che viene tassato è il canone di locazione e affitto che l’ospite paga al proprietario di casa. Il regime è opzionale, il che vuol dire che ogni contribuente, se soddisfa i requisiti richiesti dalla normativa, ha due alternative:

  • optare per il regime della cedolare secca
  • può scegliere se continuare ad applicare il regime fiscale ordinario, che prevede un’aliquota del 23%;
Leggi anche:  Affitti temporanei Milano: zona Brera

Cedolare secca e intermediari

La normativa prevede che, quando la stipula del contratto di locazione avviene mediante soggetti che hanno il ruolo di intermediari immobiliari, compresi i portali online come Airbnb e Booking,  questi si trasformino in sostituti di imposta trattenendo il 21% sul canone di locazione. Va precisato però che tale ipotesi si concretizza soltanto se essi intervengono anche al momento del pagamento, cioè quando bisogna riscuotere il canone previsto nel contratto di affitto.

Per delucidazioni riguardo gli intermediari online, le commissioni da essi applicate e il regime fiscale in vigore rivolgiti agli esperti del settore di Guesthero.

Affida il tuo appartamento a Guesthero

Siamo una società specializzata nella gestione di affitti a breve termine e, con il nostro expertise nel settore, siamo riusciti a garantire ai nostri clienti un rendimento mediamente maggiore del 50% rispetto agli affitti tradizionali.

Tra i nostri servizi, un pacchetto di gestione standard e uno all-inclusive;

Pacchetto standard

Il pacchetto di gestione standard si riferisce alla gestione online dell’appartamento in affitto breve e comprende i seguenti servizi:

  • Creazione annunci su Airbnb e Booking
  • Gestione prenotazioni e pagamenti
  • Messaggistica con l’ospite
  • Gestione recensioni

Pacchetto all-inclusive

Oltre ai servizi del pacchetto standard, nel pacchetto all-inclusive sono compresi:

Valutazione dell’immobile

Per cominciare ad affittare casa con la formula degli affitti brevi è opportuno fare una valutazione dell’immobile da un esperto, il quale verificherà la funzionalità della casa e fornirà una consulenza. Contattaci per una valutazione del tuo immobile.

Comments are closed.