Come aprire b&b: promozione

Come aprire b&b: promozione

L’estate è alle porte e, anche se le vacanze si fanno attendere, iniziano i preparativi per la loro organizzazione. Che sia una vacanza di relax, d’avventura o una fuga romantica è necessario scegliere oculatamente l’alloggio perfetto. Visto il trend crescente degli ultimi anni degli affitti brevi, la scelta di un b&b potrebbe essere vincente sia a livello di prezzo che di comfort.

Come aprire un bed and breakfast

Se la tua casa presenta numerose stanze che non sono più abitate, potresti decidere di affittarle offrendo una soluzione di bed and breakfast. Se ti piace il contatto con le persone e hai il tempo per gestire gli spazi è senza dubbio la soluzione perfetta per te. Ma come si apre un b&b? La normativa che definisce e regola i b&b è quella regionale, che è fondamentale consultare prima di prendere qualsiasi decisione.

La procedura può essere effettuata telematicamente oppure presentandosi allo sportello dedicato (SUAP) del proprio comune e completando la cosiddetta SCIA, nonché segnalazione certificata di inizio attività, sulla quale il Comune potrebbe applicare un diritto di istruttoria di somma variabile ma comunque non superiore ai 150€. Per completare tale pratica vanno inoltre forniti documenti che variano da regione a regione. L’ultimo passo è consentire agli Uffici Turistici di classificare la struttura.

b&b

Bed and breakfast come funziona 

L’attività di b&b può essere svolta solo per periodi limitati o stagionalmente. Tutti i b&b condividono alcune caratteristiche. Il servizio offerto consiste sostanzialmente nell’offrire stanze e colazione, spesso preparata direttamente dal proprietario in uno spazio comune dell’alloggio. Tutti i bed and breakfast mettono a disposizione stanze con biancheria e bagno non per forza privato. Ciò che viene maggiormente apprezzato è soprattutto il rapporto con l’host, che normalmente è molto più stretto rispetto a quello che sviluppa con il personale di un hotel. Inoltre, il prezzo è spesso inferiore rispetto a quello delle strutture ricettive.

Leggi anche:  Affitti brevi Firenze: le zone più redditizie

Come arredare un bed and breakfast

Se sei un proprietario di un immobile che vuoi adibire a bed and breakfast, è bene che ti adoperi per far sentire i tuoi clienti a proprio agio, come fossero a casa propria. Per aiutarti, poter contare su un arredamento accogliente è sicuramente il primo passo. Non per forza deve trattarsi di un arredamento lussuoso, semplicemente che dia agli ospiti tutto ciò di cui abbiano bisogno. I dettagli e le decorazioni sono di grande effetto, soprattutto se contribuiscono a rendere gli spazi più ampi e luminosi, in particolare le candele sono un accessorio che viene sempre apprezzato, soprattutto dal genere femminile. Inoltre, potrebbe essere un’idea di successo quella di adeguare l’arredamento interno del b&b al luogo in cui si trova, ad esempio con colori chiari se si trova al mare o con dettagli in legno se è situato in montagna.

Come promuovere un bed and breakfast

Avere un bed and breakfast di successo non dipende certamente solo dai servizi che puoi offrire. Infatti esistono al giorno d’oggi migliaia di strutture su cui gli utenti possono contare per trascorrere il proprio soggiorno. Quello che fa la differenza è trovare qualche dettaglio che possa fornire valore aggiunto al cliente. Il passaparola è sicuramente fondamentale e ciò che maggiormente influenza il passaparola è la qualità del servizio, ovvero quanto gli ospiti apprezzano la personalità del proprietario, quanto si sentono a casa nella struttura e quanto percepiscono che il proprietario sia a loro disposizione. In questa direzione, potrebbe essere una buona idea fornire agli ospiti una mappa della città con i principali punti di attrazione, ristoranti e distanza dai principali mezzi. Per una promozione professionale, invece, si può fare ricorso anche a strumenti di marketing più avanzati quali Google MyBusiness, un sito web o piattaforme come le OTA (Online Travel Agencies) che, senza dubbio, aumenteranno la visibilità della attività.

Leggi anche:  Casa perfetta: cosa sapere su homestaging