Tassa di soggiorno: come agisce Airbnb - Guesthero

La tassa di soggiorno è un’imposta sull’affitto di camere, dovuta al governo statale o locale. In molti posti tale imposta è nota come tassa di soggiorno, ma ci si riferisce anche con termini come tassa di pernottamento, tassa sulle camere. Oppure tassa sulla vendita, tassa turistica o tassa alberghiera.
[n1related i=”0″]

Cosa sapere su tassa di soggiorno

L’ammontare delle tasse di soggiorno e la normativa variano a seconda della municipalità, contea, stato e Paese. Sono normalmente calcolate sulla base del prezzo dell’alloggio, con l’aggiunta di eventuali costi come spese di pulizia o per ospiti aggiuntivi. In alcuni posti la tassa di soggiorno è dovuta a persona, per notte. La tassa di soggiorno viene normalmente pagata dall’ospite, ma il dovere di rimetterla al governo ricade normalmente sull’host. Ci aspettiamo che gli host familiarizzino con la normativa in vigore e che si comportino di conseguenza.

Per confermare che il tuo annuncio si trova in una zona dove si riscuote la tassa:

  •  Vai a I tuoi annunci
  • Clicca su Gestisci annuncio e calendario per l’annuncio che vuoi vedere
  • Seleziona Dove sulla sinistra

Nuova forma di turismo

Come recentemente emerso negli ultimi tempi siti come Airbnb hanno stravolto totalmente il mondo del turismo, arrivando gradualmente a sostituire le strutture ricettive tradizionali.

La sharing economy ha comunque portato ad ulteriori sfide per i proprietari di casa, che possono però beneficiare di una ulteriore possibilità di guadagno. Di particolare importanza è la gestione amministrativa dell’immobile, specificatamente per quanto riguarda lo scottante tema della tassazione. Di recente discussione è infatti l’imposta di soggiorno. Airbnb non si occupa della riscossione di tale imposta, la cui responsabilità sarà in capo al padrone di casa nel caso in cui fosse prevista.

Leggi anche:  Homeaway Commissioni Italia: cosa sapere

Al momento Airbnb si occupa infatti di riscuotere la tassa di soggiorno per conto del proprietario solo ad Amsterdam, Portland e San Francisco. Airbnb sta comunque procedendo ad effettuare accordi con i vari comuni in giro per il mondo in modo tale da incrementare l’integrazione con i comuni e facilitare quindi il pagamento di tutte le imposte dovute.

Per ovviare a problemi quali la gestione degli appartamenti sono recentemente nate diverse aziende volte a facilitare l’accoglienza degli ospiti e la manutenzione dell’appartamento. Fra queste emerge Guesthero, società che si occupa della gestione completa di case vacanza per affitti a breve termine.

Comments are closed.