Come gli affitti brevi stanno cambiando le città

Come gli affitti brevi stanno cambiando le città

Il nuovo trend degli affitti brevi ha lentamente conquistato tutte le città italiane. Attualmente l’Italia è il terzo paese al mondo per l’utilizzo della piattaforma OTA Airbnb, la quale continua a crescere con dei ritmi esponenziali e creando nuove opportunità ma allo stesso tempo dei nuovi problemi. Scopriamo in cosa consiste e come sfruttalo al meglio per guadagnare.

Affitti brevi: in cosa consiste

Il mercato degli affitti brevi consiste nella possibilità di prendere in affitto una casa vacanze per periodi che vanno dalle 2 alle 29 notti. Si tratta di un mercato in forte espansione e che attualmente interessa la nostra penisola da vicina, di pari passo con tutte le altre città italiane.

Dal lato del turista che cerca una casa per brevi periodi, quella degli affitti brevi è una grande opportunità per risparmiare rispetto ai classici e costosi hotel. Perchè negarsi la possibilità di un romantico weekend fuori porta a causa dei prezzi proibitivi degli hotel nelle città più famose? Il turista medio decide di alloggiare in un Airbnb e risparmiare, piuttosto che evitare di andare in vacanza. Dal lato dei proprietari di immobili, invece, gli affitti brevi costituiscono la possibilità di guadagnare grazie alla propria casa e svolgere questa attività in modo imprenditoriale.

affitti brevi

Affitti brevi: come rivoluzionano il turismo

L’Italia è il terzo paese al mondo per diffusione dell’utilizzo della piattaforma Airbnb, che sta crescendo a ritmi esponenziali nei centri storici delle città della penisola. Le ragioni di questo fenomeno sono svariate: in primis va considerata l‘abbondanza di piccole città antiche e borghi stupendi conosciuti in tutto il mondo, in secondo luogo la grande disponibilità di appartamenti sfitti, e per ultimo, ma non meno importante va considerata la convenienza economica e il superamento della situazione di scarsa regolamentazione.

Leggi anche:  Appartamenti Milano Zona Bocconi: affitti brevi

Sono presenti indubbiamente dei lati positivi, ad esempio la possibilità per tanti alloggi sfitti e vuoti di tornare nel circuito virtuoso del mercato mobiliare.  E in più tantissimi piccoli proprietari di alloggi sfitti possono integrare le loro entrate grazie al reddito degli affitti brevi e mantenere in buono stato i propri immobili sostenendo le spese per le tasse.

Le amministrazioni locali sostengono e apprezzano la piattaforma Airbnb perchè evita l’espandersi degli affitti in nero e favorisce il turismo “mordi e fuggi”, ripopolando antichi borghi e città.

affitti brevi

Come sfruttare le possibilità offerte dagli affitti brevi

Se hai un appartamento che vorresti affittare e vorresti sfruttare le possibilità offerte dagli affitti brevi, puoi optare per Airbnb. Si tratta di un business vincente, che ti consentirà di guadagnare in modo semplice e veloce, grazie alla tua casa. Sia che si tratti di una località di mare o di montagna, sia che si tratti di una città d’arte, i turisti hanno gusti e preferenze molto variegati e potrai soddisfarli con la tua casa in affitto per brevi periodi.

Spesso affittare la propria casa e metterla a disposizione dei turisti può essere un’attività lunga e faticosa, che porta via tempo e risorse. Proprio per questo spesso una saggia decisione può essere quella di affidarsi a delle aziende di property management che fanno da intermediari tra i proprietari di case e i turisti che le affittano per brevi periodi.

affitti brevi

A chi rivolgersi

Ad esempio un’azienda di property management è Guesthero, l’esperto degli affitti brevi. Ci occupiamo di tutto per la tua casa da affittare: scattiamo delle foto professionali, realizziamo l’annuncio sui portali OTA come Airbnb e gestiamo tutto il rapporto con gli ospiti, dal check-in al check-out. Tu dovrai solo affidarci, la tua casa, al resto pensiamo noi, dalle pratiche burocratiche al versamento della cedolare secca per conto del proprietario. Affidati a chi di affitti brevi se ne intende, scegli la professionalità di Guesthero!