Case vacanze: come affittare case vacanze in Lombardia

Case vacanze: come affittare case vacanze in Lombardia

Affittare case vacanze in Lombardia – Lombardia una delle regioni con più alta densità abitativa e meta di molti turisti stranieri e locali

Affitti brevi Lombardia

È risaputo che la Lombardia sia la regione più liberale e aperta d’Italia, sia per la sua vicinanza geografica all’ambiente europeo, sia per lo sviluppo industriale e culturale che da sempre hanno fatto del territorio lombardo il ‘traino’ del Bel Paese da un punto di vista economico e di innovazione.
[n1related i=”0″] Questo si riflette ovviamente anche in ambito immobiliare, settore molto attivo sul territorio soprattutto nel capoluogo Milano, in particolare nel campo degli affitti brevi, sempre più in ascesa. 

Come affittare case vacanze a breve termine in Lombardia

La Regione Lombardia NON ostacola lo sviluppo dell’home sharing.

In parole semplici chiunque è in possesso di un’abitazione in Lombardia, che sia una casa, una stanza o un appartamento e vuole affittarla, può farlo anche in modo non imprenditoriale (senza partita Iva).

Ci sono però delle regole da seguire per evitare di incorrere in provvedimenti e sanzioni.

Leggi e Normativa

E’ legge in regione Lombardia il codice identificativo di riferimento (Cir) per le case vacanze, norma destinata a creare scompiglio nel mondo degli affitti brevi, spesso gestiti attraverso il portale Airbnb.

Lo strumento servirà a contrastare “l‘abusivismo nel settore’, è il mantra che ha accompagnato la stesura della legge.

Leggi anche:  Weekend romantico low cost Roma: dove alloggiare

Il regolamento della legge sarà presto pubblico, ma grossomodo l’iter funzionerà così: il codice identificativo sarà fornito al privato che affitta la sua casa o le sue proprietà dal Comune, una volta comunicato “l’avvio di attività”.

A cosa serve il CiR

Il codice, in sostanza, identificherà la propria offerta di affitto con nome, cognome e codice fiscale dell’affittuario, dopodiché sarà inserito in una banca dati a cui avrà accesso il Comune di Milano e la polizia locale nel caso si rendessero necessari dei controlli.

Secondo la relazione alla proposta di legge, la proposta nasce “dall’esigenza di tutelare l’imprenditoria dell’ospitalità lombarda“.

Infatti, secondo i dati forniti da Federalberghi, ad aprile 2017 in Lombardia erano proposte in affitto oltre 22mila abitazioni sul solo portale AirBnB, ma solo un quarto di queste è regolarmente censito.

In Italia, la Sardegna ha fatto qualcosa di simile, introducendo l’Identificativo unico numerico (IUN), per ogni struttura ricettiva.

Codice Identificativo di Riferimento (CIR)

“Le difficoltà dei Comuni ad esercitare i controlli e l’enorme sproporzione tra le attività pubblicizzate e quelle comunicate agli enti locali ci ha indotto ad intervenire. Trasparenza, tutela dei turisti, della legalità e della leale concorrenza sono le ragioni che motivano il provvedimento, che sarà applicato con gradualità”, ha spiegato Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia.

Aggiunge “con il Codice identificativo la Lombardia si aggancia al trend di regole europeo ed internazionale che permette uno sviluppo sano e corretto di un fenomeno in evoluzione, quello della sharing economy, con importanti riflessi economici e sociali“.

Confcommercio Lombardia, Apam e l’associazione Albergatori Confcommercio Milano sono pienamente soddisfatti per una legge di cui da tempo chiedevano l’introduzione. Ovviamente l’introduzione di questo cavillo ha lasciato dell’amaro e ha creato non poca rabbia da parte di Airbnb, che l’ha visto solo come un incremento inutile di burocrazia.

Leggi anche:  Aperitivo Milano: ruota panoramica come set aperitivo

Affitta il tuo appartamento con un intermediario

Rivolgendoti a un intermediario, affittando il tuo appartamento con un property manager sarà lui a occuparsi di tutte le pratiche burocratiche compreso il Cir. Il proprietario di casa non dovrà occuparsi di nulla.

Guesthero

 

Per maggiori informazioni contatta Guesthero e richiedi una consulenza professionale!

Comments are closed.