Booking vs Airbnb: differenze

Booking vs Airbnb: differenze

Da ormai dieci anni il business degli affitti brevi è in grande voga sia in Italia che all’estero. Si presta infatti ad essere approvato sia da professionisti che da privati che vogliono tentare di sfruttare la redditività potenziale di appartamenti sfitti che hanno ereditato o acquistato. Una volta iniziata l’attività di affitto breve la cosa fondamentale è dare visibilità all’immobile tramite annunci su diverse piattaforme quali Airbnb e booking. Scopriamo il loro funzionamento e le differenze Booking vs Airbnb.

Booking vs Airbnb

Attualmente sia Booking che Airbnb danno la possibilità agli utenti di registrare i propri appartamenti dedicati all’attività di affitto breve. Tuttavia, se Airbnb nasce per affittare temporaneamente case o stanze private, Booking veniva inizialmente utilizzato solo per le strutture alberghiere e solo recentemente ha iniziato a fornire anche il servizio di prenotazione di case vacanze visto il grande successo precedentemente acquisito e considerata la forte ascesa di airbnb.

Airbnb: come funziona

Airbnb è la principale piattaforma di affitti brevi attualmente utilizzata. I suoi punti di forza sono diversi ma il principale è forse la facilità di utilizzo. Infatti sia per il proprietario che per i potenziali ospiti basteranno pochi clic per ottenere il risultato cercato.

Per il proprietario basterà completare la compilazione di un annuncio fornendo qualche informazione sull’immobile e pubblicando il materiale fotografico richiesto affinché le immagini dell’appartamento possano renderlo più attraente agli occhi degli ospiti. Gli adempimenti fiscali consistono sostanzialmente nel pagamento della commissione che va dal 3 al 5%. I prezzi, invece vengono impostati dal proprietario in modo dinamico a seconda dei periodi più o meno redditizi.

Leggi anche:  Affitti brevi: gita fuori porta Milano

Per l’utente finale l’utilizzo sarà altrettanto semplice: basterà impostare il periodo desiderato, il tipo di immobile e il numero di ospiti. Dalla pagina che risulta sarà possibile scegliere l’appartamento preferito e pagare obbligatoriamente in anticipo direttamente dalla piattaforma. Le spese da sostenere comprendono oltre al soggiorno anche le spese di pulizia e le commissioni che vanno dal 6 al 12% per l’ospite.

Booking: come funziona

Booking è da sempre conosciuta come piattaforma per la prenotazione di strutture alberghiere in tutto il mondo. Anche in questo caso per l’utente finale l’utilizzo è molto semplice. Basterà selezionare il luogo, le date e le caratteristiche e scegliere dalla pagina dei risultati la struttura preferita. Oggi si può scegliere tra una vasta gamma di strutture ricettive, tra cui le case vacanze. A differenza di Airbnb, tuttavia il pagamento può avvenire sia in modo anticipato che posticipato oppure direttamente in struttura. Sono infatti presenti due opzioni: la prenotazione non rimborsabile e quella anticipata rimborsabile senza pagamento anticipato.

Per il proprietario invece il caricamento è un po differente rispetto a quello richiesto da Airbnb. Infatti creare l’annuncio richiede un po più di tempo in quanto è molto più dettagliato ed è necessario conoscere l’esatta metratura e la distanza dell’immobile dai servizi. Anche la tassazione è differente: vista la notorietà della piattaforma, la percentuale di commissioni è del 18%.

Booking vs Airbnb

Affitti brevi

Se sei proprietario di un appartamento sfitto e vorresti massimizzarne la redditività puoi affidarti agli affitti brevi. Si tratta di un business in forte crescite proprio perché garantisce numerosi vantaggi. Innanzitutto potrai applicare un prezzo dinamico a seconda del periodo dell’anno, degli eventi e delle festività. Inoltre con il pagamento anticipato non dovrai affrontare alcuna questione relativa a ritardi nei pagamenti o inquilini morosi. Infine, l’usura del tuo appartamento sarà decisamente minore, dal momento che stando per brevi periodi, i tuoi inquilini non tenteranno di personalizzare l’appartamento a proprio piacimento.

Leggi anche:  Affitti brevi: pro e contro per i proprietari

Property manager

Nel caso in cui avessi ereditato un appartamento, volessi sfruttarlo ma non avessi tempo, non temere! Gli affitti brevi hanno dato origine ad una serie di attività tra cui il property management. I property manager sono società preposte alla gestione di appartamenti in affitto breve, nel caso in cui i proprietari non avessero il tempo di farlo. In cambio di una commissione percentuale sulle prenotazioni, si occuperanno della creazione dell’annuncio, di check in e check out, pulizie e cambio biancheria! Non dovrai pensare più a nulla.