Airbnb tassazione: tutto quello che c’è da sapere - Guesthero

Airbnb tassazione: tutto quello che c’è da sapere

Airbnb tassazione

Airbnb è una delle piattaforme più comuni per la gestione degli affitti brevi, basata in più di 200 paesi in tutto il mondo. Quando si mette in affitto una casa su Airbnb con la formula degli affitti brevi, uno dei primi interrogativi che ci si pone è quello della tassazione Airbnb. La piattaforma fa tutto in automatico? O c’è bisogno di riscuotere qualcosa manualmente?

airbnb tassazione

Airbnb e Tassazione locale, riscossione automatica

Innanzi tutto bisogna distinguere tra tassazione locale e imposta sul valore aggiunto (IVA). La tassazione locale può variare da città a città, e l’eventuale inquilino ne deve essere informato prima di procedere all’affitto. Talvolta quando si tratta di riscuoterla è presente una funzione fatta apposta da Air b and b, e in questo caso la piattaforma trattiene in automatico la quota giusta. Tuttavia bisogna sempre verificare in base alla propria zona di competenza: per farlo, l’host deve andare nella sezione “i tuoi annunci” e selezionare “gestisci annunci”. Da lì, nella sezione “imposte e leggi locali”, sarà possibile verificare se Airbnb si sta occupando automaticamente della riscossione della tassazione o meno.

 

Airbnb e Tassazione locale, riscossione manuale

Generalmente, tuttavia, gli host riscuotono questa tassa manualmente. Ad esempio, spesso Airbnb raccoglie le tasse regionali, ma non quelle locali: è sempre necessario verificare sul sito. Per riscuotere in via manuale le tasse locali ci sono diversi metodi:

  • Per coloro che utilizzano strumenti di ospitalità professionale (che si trovano nella sezione “strumenti professionali” nelle Impostazioni account), è possibile impostare le tasse e le modalità di riscossione
  • In alternativa, si possono includere le tasse nella sezione “offerta speciale”, inviabile attraverso il servizio di messaggistica presente su Airbnb. Le offerte speciali scadono dopo 24 ore e possono essere inviate prima della prenotazione ufficiale.
  • Infine, è possibile riscuotere la tassazione locale utilizzando il Centro Soluzioni, dopo il check in: una funzione con cui si può riscuotere o inviare denaro entro 60 giorni dopo il check out.
Leggi anche:  Airbnb Venezia: Host e Guest, doveri e priorità

 

Iva (Imposta sul Valore Aggiunto)

Oltre alla questione della tassazione locale, l’altra questione relativa alla tassazione airbnb è l’Iva. Essendo residenti nell’Unione Europea, c’è la possibilità che chi mette in affitto la propria casa su Airbnb debba imporre l’Iva (Imposta sul Valore Aggiunto) ai servizi forniti. L’Iva è una tassa che viene calcolata sulla fornitura di servizi e beni: Airbnb la addebita agli host di diversi paesi, tra cui è compresa l’Unione Europea.

 

Airbnb e Iva

Airbnb addebita normalmente l’Iva al momento del pagamento, nel calcolo che comprende i costi del servizio dell’ospite per la prenotazione. Bisogna ricordare che le percentuali trattenute da Airbnb (dal 6 al 12% per gli ospiti e dal 3 al 5% per gli host) non comprendono l’Iva, e quindi vanno incrementate del 22%: i nuovi valori totali quindi sono:

  • Dal 7,32% al 14;64% per i gli ospiti
  • Dal 3,66% al 6,1% per gli host

 

Come trovare la fattura dell’addebito dell’Iva

L’host che voglia controllare le proprie fatturazioni deve andare sulla sezione “Elenchi”, selezionare “le tue prenotazioni”, eventualmente visualizzare tutta la cronologia e infine cliccare su “visualizzare fatture Iva”, selezionando “fattura dell’host”.

 

Gestione affitti brevi con Guesthero

Per affrontare al meglio la gestione dei diversi pagamenti, che comprendono ovviamente quello della tassazione airbnb, è possibile affidarsi a un’agenzia affitti conto terzi come Guesthero, che si occupa proprio di gestione affitti brevi. Siamo specializzati nella gestione di Airbnb, Booking.com e  tutti i principali siti di affitto breve: pubblichiamo gli annunci, offriamo shooting fotografici e ci assicuriamo che i profili siano sempre il più accattivanti e competitivi possibile, oltre ad ottimizzare i prezzi in base al periodo e agli eventi presenti nella zona di riferimento.

Leggi anche:  Co Host: cinque ragioni per affidarsi a loro

La nostra offerta si divide in gestione online, che comprende tutto quello che si può fare a livello di piattaforme sulla rete, e gestione completa, che in aggiunta offre anche le funzioni di check in e check out, pulizie e cambio biancheria.