Airbnb Milano: accordo su tassa soggiorno affitti brevi

Airbnb Milano: accordo su tassa soggiorno affitti brevi

Airbnb Milano – Dal 1 Marzo 2018 parte l’accordo tra la piattaforma online che mette in contatto domanda e offerta degli affitti brevi e il comune di Milano per il pagamento della tassa di soggiorno.
[n1related i=”0″]

Airbnb Milano: accordo sul pagamento tassa di soggiorno

Accordo tra Airbnb e il comune di Milano per la riscossione della tassa di soggiorno dai turisti che soggiornano in case private o stanze per brevi periodi.

Cos’è la tassa di soggiorno?

Come sicuramente tutti sapranno, la tassa di soggiorno è un imposta sull’affitto di case che va pagata al comune. L’ammontare varia da città a città così come la normativa. In generale si calcola basandosi sul costo dell’alloggio e altri costi aggiuntivi come quello per le pulizie. L’ospite deve pagare la tassa di soggiorno al proprietario che poi la deve versare al comune.

Dati alla mano

Secondo alcune statistiche il contratto tra Airbnb e la città di Milano sulla riscossione della tassa di soggiorno ha fruttato 1 milione di euro in due mesi. Solo a Marzo sono stati incassati dal comune 565 mila euro e ad Aprile 506 mila euro. Visti questi risultati il comune sta pensando di estendere questo accordo anche con altre piattaforme di housing ad esempio Homeaway.

Leggi anche:  Cosa vedere a Firenze in 3 giorni

Le previsioni per il futuro sono più che positive considerando il fenomeno Airbnb e delle altre piattaforme online che gestiscono affitti brevi. Infatti il numero di turisti che scelgono una casa privata per le loro vacanze aumentati passando da 450 mila del 2016 a 600 mila del 2017. Di conseguenza sono aumentate anche le case messe a disposizione dai proprietari raddoppiando in tre anni.

Quanto si può guadagnare con l’affitto breve?

La formula degli affitti brevè più vantaggiosa rispetto agli affitti tradizionali, ovvero quelli di lungo periodo. Gli ospiti di case Airbnb  sono in media 2,3 e in un anno il proprietario riesce ad affittare la casa per una media di 35 notti. Con queste premesse l’host può guadagnare 5 mila euro lordi all’anno, 50% in più rispetto al contratto di locazione di lungo termine.

Airbnb Milano – tassa di soggiorno

airbnb milano

E’ importante che l’ospite sia informato dell’esistenza della tassa di soggiorno e di come pagarla. Il proprietario ha il compito di comunicare l’ammontare della tassa, 3 euro per la città di Milano, inserendola nel prezzo totale richiesto per il soggiorno, oppure può specificarlo in una sezione speciale, o dà la possibilità all’ospite di pagarla personalmente all’arrivo.

Come pagare la tassa di soggiorno?

AIRBNB

Nel caso l’imposta venga inclusa nel prezzo totale del canone o pubblicata sull’annuncio di affitto in una sezione speciale sarà Airbnb a dover trattenere l’imposta e versarla ogni tre mesi al comune di Milano. In questo modo il proprietario di casa viene completamente liberato dall’onere del versamento.

PROPRIETARIO

Al contrario, nel caso in cui il proprietario scelga di far pagare l’ospite al momento dell’arrivo, Airbnb non potrà fornire assistenza. Sarà il proprietario in persona a dover effettuare il versamento.

Hai un appartamento sfitto e vuoi cogliere l’occasione di guadagnare?

Ecco a chi puoi rivolgerti

Gestire le prenotazioni e i check-in richiede tempo così come pubblicare e gestire gli annunci su piattaforme online come Airbnb. Per questo rivolgiti a una società specializzata in affitti brevi come Guesthero. Offriamo una grande quantità di servizi per venire incontro alle tue esigenze.

Leggi anche:  Software gestione affitti: come funzionano

Pacchetto Standard

Comprese nel pacchetto standard abbiamo diversi servizi, quali:

  • creazione annunci sui portali OTA da noi gestiti, Airbnb e Booking
  • gestione calendario prenotazioni tramite channel manager aziendale
  • servizio di customer care con guests e host
  • gestione pagamenti e pratiche burocratiche

Pacchetto di Gestione All Inclusive

Questo è il pacchetto di gestione completa per appartamenti in gestione affitto breve, comprende oltre ai servizi del pacchetto standard anche:

  • shooting fotografico appartamento
  • accoglienza ospiti (check-in e check-out)
  • pulizia professionale
  • lavaggio, stiraggio e cambio biancheria
  • pacchetto assicurativo, vedi qui

Contattaci per una consulenza e una valutazione del tuo appartamento. Per te consigli anche su come arredare casa per affittare a breve termine.

Comments are closed.