Affitto con riscatto: Cos'è e come funzionano - Guesthero

Affitto con riscatto: Cos’è, funzionamento, pro e contro

Cos’è affitto con riscatto

L’affitto con riscatto consiste in un particolare tipo di accordo contrattuale. Questo consente a locatore e locatario di redarre un contratto di affitto che preveda l’evenienza che il locatario alla scadenza del contratto sia interessato ad acquistare l’immobile.
[n1related i=”0″]

L’affitto con riscatto cosa prevede

  1. Un contratto di locazione;
  2.  Un contratto con l’opzione d’acquisto.

Il canone previsto in tale contratto è però superiore ad un normale canone di affitto. Si presume infatti che il coinquilino ogni mese paghi una parte del canone destinata all’affitto e un’altra parte destinata all’acquisto dell’immobile.

Se alla scadenza del contratto il locatario intende acquistare l’immobile, si dovranno tenere in considerazione i canoni già pagati per la vendita. Questi sono da sottrarre al valore di vendita dell’intera casa. I rimanenti soldi che il locatario dovrà al locatore per entrare nel possesso esclusivo dell’immobile potranno essere pagati anche chiedendo un mutuo alla banca. L’inquilino infatti potrà diventare proprietario solo dopo avere pagato l’intero prezzo dell’immobile.

Clausole e regolamentazione

Il primo importante accorgimento che dovrà avere l’inquilino nella stipula del contratto di affitto con riscatto sarà quello di controllare che nel contratto non vi sia l’obbligo di acquistare l’immobile allo scadere del termine di affitto.

Mentre fino a qualche anno fa non vi era una regolamentazione normativa in merito. Dal 2014, con il decreto 133/2014, è previsto che il proprietario dia in locazione il proprio immobile con l’eventualità che allo scadere dell’affitto l’inquilino possa decidere se acquistarlo o meno. Se decidesse di acquistare l’immobile sarebbe protetto da una garanzia della durata di dieci anni.

Inadempienze delle parti:

Se il locatario interrompe il pagamento del canone il proprietario ottiene il diritto alla restituzione dell’immobile e in caso di eventuali danni ha la facoltà di trattenere la caparra precedentemente versata. Inoltre può richiedere fin da subito l’intervento dell’Ufficiale Giudiziario per l’eventuale sfratto.

Leggi anche:  Affitti brevi in Riviera Romagnola: da Riccione a Cesenatico

Se al contrario è il proprietario a non rispettare gli accordi contrattuali, l’inquilino ha diritto alla restituzione dei canoni versati destinati all’acquisto più gli interessi e l’eventuale caparra.

Se hai domande sugli affitti, in particolare su quelli brevi rivolgiti a Guesthero.

 

Comments are closed.