Gestione affitti Milano: affitto breve termine - Guesthero free web hit counter

Gestione affitti Milano: affitto breve termine

Gestione affitti Milano: è un’ottima opportunità di investimento per chi intende acquistare una casa. Si può guadagnare seguendo queste regole e munendosi dei giusti documenti.

Gestione affitti Milano: come si fa

Acquistare a Milano ora non è facile per i costi relativamente alti nonostante il periodo di crisi. In modo particolare per gli immobili di piccole metrature in zone affittabili. Con un po’ di attenzione si possono fare ottimi affari risparmiando non poco e guadagnando tassi molto molto interessanti. Si può guadagnare, già puliti di iva, cedolare secca e costi di gestione, bollette e spese condominiali, fino all 8 o 9 % anno.
[n1related i=”0″] Prima di tutto bisogna capire: dove acquistare. Acquistare nel centro storico sarebbe ottimo ma ovviamente la rendita scende per via dei costi di compravendita. Meglio alcune zone limitrofe ricercate. A Milano, per esempio fuori dalla prima cerchia, si trova la soluzione ideale. Navigli, porta romana, città studi, Ripamonti, costano il meno e rendono altrettanto. Airbnb Milano è sicuramente il sito da cui iniziare.

Airbnb, Wimdu, Homelidays, Bookimg offrono ottime opportunità, ma non è sempre facile gestire.

Agenzie specializzate e non solo, creano un annuncio su Airbnb, Booking e altre piattaforme al fine di pubblicizzare l’appartamento. In questo modo la casa acquisisce maggiore visibilità. A questo punto, turisti, persone in viaggio per lavoro ecc prenotano il loro soggiorno presso l’appartamento specifico, mediante queste piattaforme.

L’agenzia si mette in contatto con i viaggiatori. Si coordinano arrivi e partenze, orari e necessità. Il proprietario dell’immobile non dovrà preoccuparsi di nulla. Check in, check out saranno gestite dai professionisti del settore. Allo stesso modo pulizie ed emergenze dei turisti.

Documenti guest necessari

Prima di accogliere il guest nell’appartamento sarà necessario richiedere i documenti. Ovvero la carta d’identità o un documento simile dell’ospite. In caso contrario la persona non potrà soggiornare lì.

Leggi anche:  Affitti brevi successo: case vacanze in affitto breve crescono

Inoltre al momento del check in bisognerà passare le informazioni riguardanti gli ospiti alla questura. Il portale specifico richiede: nome e cognome, codice fiscale, comune e provincia. Stato, telefono e residenza.

Bisogna poi riscuotere la tassa di soggiorno.

Documenti host necessari

Nel caso dell’affitto breve, non è prevista una forma contrattuale. Ciò che è importante sapere, è che la locazione sia temporanea, infatti non esiste nemmeno una durata minima di pernottamento.

Non dimentichiamoci della dichiarazione dei redditi. Da ricordare che dal 1 giugno è prevista l’applicazione delle cedolare secce del 21% sull’affitto.

Guesthero si occupa proprio di questo! Contattaci, per un servizio completo ed efficiente. 

Comments are closed.