Affitti brevi: viaggiatori tipo

Affitti brevi: viaggiatori tipo

Sono sempre di più i turisti che si affidano agli affitti brevi per i loro soggiorni di breve durata. Normalmente le locazioni a breve termine hanno una durata che va dalle 2 alle 29 notti e attirano sia turisti che professionisti che si recano nelle più diverse località per motivi di svago, lavoro o necessità. Per un proprietario di casa è bene essere a conoscenza di chi soggiornerà nel proprio immobile ancora prima del suo arrivo, così da poter adattare la casa al meglio e porsi nel modo più adeguato. Ecco, in breve, i principali viaggiatori tipo delle case in affitto su Airbnb.

Affitto breve: come funziona

Ma come funzionano gli affitti brevi? Pur essendo al corrente dell’esistenza di piattaforme come Booking o Airbnb, molti ancora ignorano la differenza tra affitti tradizionali e affitti brevi. I primi si basano normalmente su contratti 4+4 e sono ancora molto utilizzati da proprietari di case sfitte. I secondi, invece, hanno una durata variabile dalle 2 alle 29 notti, principalmente per scopi turistici. Si basano sulle piattaforme OTA, che permettono di condividere il proprio immobile con clienti da tutto il mondo e permettono di far incontrare in modo semplice ed efficace la domanda e l’offerta di soggiorni.

Viaggiatori tipo

Ecco una carrellata dei possibili viaggiatori tipo che un host, nonché proprietario, può aspettarsi nel momento in cui decide di affittare il proprio immobile su Airbnb. E’ importante conoscere chi alloggerà innanzitutto per potersi porre nel giusto modo, infatti molto spesso capitano turisti internazionali che, possibilmente, non parlano Italiano.

Leggi anche:  Requisiti per la gestione immobili per conto terzi

affitti brevi viaggiatori tipo

Giovane coppia di turisti: italiani o internazionali?

Tra i più diffusi viaggiatori tipo troviamo le giovani coppie alla ricerca di una vacanza rilassante, del tempo da passare insieme e di una struttura a buon prezzo che permetta loro di godere della massima libertà. Molto spesso per un proprietario è semplice comunicare con questo tipo di viaggiatori dal momento che hanno molta dimestichezza con le nuove tecnologie e non avranno certo problemi a comunicare tramite la chat dedicata. In oltre, normalmente i giovani pur essendo alla ricerca di belle location, non sono di grosse pretese e sono flessibili nei confronti dei proprietari. Che siano internazionali o italiani, sarà facile comunicare con loro, ma in ogni caso è consigliabile la conoscenza dell’inglese.

Coppia di colleghi

Leggermente più complicato sarà gestire una prenotazione di colleghi. Innanzitutto sarà necessario chiarire le preferenze riguardo i letti. Nella maggior parte dei casi le coppie di colleghi richiedono camere separate o, laddove ciò non sia possibile, almeno letti separati. Sarà dunque necessario per il proprietario accertarsi in anticipo di poter soddisfare le loro esigenze. Inoltre, le loro richieste saranno più precise rispetto a quelle delle giovani coppie: molto probabilmente avranno bisogno di una rete wifi e di un comfort superiore, per riposarsi dopo una lunga giornata di lavoro. Spesso, inoltre, vengono richieste fatture: se il proprietario dell’appartamento è una persona fisica, potrà rilasciare una ricevuta generica.

Viaggiatore singolo

Spesso, per lavoro o per svago capiterà anche di aver a che fare con viaggiatori singoli. Si tratta, forse degli ospiti più divertenti, poiché è più semplice instaurare un rapporto con loro che, nella maggior parte dei casi chiederanno consigli su come trascorrere il tempo libero e, in alcuni casi inviteranno addirittura l’host coinvolgendolo in alcune attività. Non sarà improbabile, quindi, che vi troverete a condividere un drink con il vostro ospite. Anche in questo caso, accertatevi delle preferenze per quanto riguarda il dormire.

Leggi anche:  Property manager: gestione affitti temporanei

Famiglia

Molto frequenti sono anche le famiglie, che in molti casi scelgono Airbnb per risparmiare rispetto alle strutture alberghiere. Se viaggiano con bambini è bene chiarire in anticipo le forniture dell’appartamento. Se i bambini hanno meno di due anni, infatti è necessario fornire una culla, specificando nell’annuncio se l’immobile ne è provvisto o meno. Anche le famiglie, normalmente sono piuttosto esigenti, ma tendono a lasciare l’immobile in buone condizioni.

Gruppo di amici

Ultimo ma non per importanza i gruppi di amici. E’ forse la categoria più pericolosa, dal momento che molto spesso la cura nei confronti dell’appartamento lascia a desiderare. I gruppi scelgono normalmente case grandi con numerosi posti letto così che possano condividere le spese spuntando un ottimo affare.E’ sempre importante chiarire nell’annuncio se si approva l’organizzazione di feste o meno, così da non incorrere in spiacevoli inconvenienti.