Affitti brevi Venezia: perché conviene e a chi rivolgersi - Guesthero

Affitti brevi Venezia: perché conviene e a chi rivolgersi

Possiedi una seconda casa a Venezia? Sempre più di frequente, i proprietari scelgono di destinare il proprio appartamento all’affitto breve. Venezia è una delle città più interessanti ed apprezzate a livello mondiale, grazie ai suoi tesori artistici e culturali. I proprietari che scelgono gli affitti brevi a Venezia ottengono maggiore redditività e reattività alle oscillazioni del prezzo che si verificano durante eventi e festività.

Affitti brevi a Venezia: perchè sceglierli

Venezia è una delle città più belle al mondo ed una delle più amate dai turisti, ecco perchè optare per gli affitti brevi a Venezia è una scelta vincente. I proprietari prediligono l’affitto breve perché risulta molto più redditizio, flessibile e lascia spazio a variazioni di prezzo durante determinati periodi. Ad esempio, affittare appartamenti turistici a breve durante un periodo richiesto come il carnevale di Venezia, consente ai proprietari di aggiustare il prezzo in base alla domanda, aumentando i guadagni in maniera considerevole.

Queste sono alcune delle ragioni che hanno determinato il successo dell’affitto breve e la sua continua crescita, che produce numerosi benefici sia per i proprietari che per l’economia. L’affitto breve garantisce tariffe più alte, soprattutto in città turistiche come Venezia, Roma e Milano dove sta crescendo a tassi sempre più alti.

Cosa si intende per affitto breve

Affittare per brevi periodi un appartamento sta diventando sempre di più un trend popolare tra i proprietari di una seconda casa. Gli affitti a breve termine consentono al proprietario di affittare il proprio appartamento per periodi limitati (2-29 notti) consentendo quindi un ricco riciclo di ospiti.

Gli innumerevoli vantaggi permessi dalla disponibilità di una casa per brevi periodi rendono l’attività degli affitti brevi sempre più interessante e attraente. Attraverso il pricing è possibile aumentare considerevolmente i guadagni dei proprietari garantendo quindi un business di successo.

L’attività consente anche un alto grado di libertà per il proprietario stesso che, attraverso il calendario, ha la possibilità di visionare le diverse prenotazioni e rientrare nella propria struttura in caso di necessità.

Noi di Guesthero consigliamo questo sempre più in voga business, in quanto garantisce una fonte di guadagno e reddito, in quanto il turismo è un fenomeno sempre in crescita ed in continua evoluzione. Gli ospiti infatti ambiscono sempre di più a stare in una casa completa, accogliente, comoda, per potersi sentire a casa e avere un soggiorno unico ed indimenticabile.

Leggi anche:  Air Bed and Breakfast: gli utenti migliori

Come gestire un affitto breve 

Gestire un appartamento in affitto a breve termine può risultare parecchio impegnativo a livello burocratico. Il mercato è stato recentemente riorganizzato ed essere presente su un portale specializzato come Airbnb è solamente il primo degli aspetti necessari per poter mettere a reddito il proprio immobile.

La gestione degli appartamenti su Airbnb è un campo importante per il business degli affitti brevi. Il primo passo per accedere ed iniziare tale pratica è appunto la pubblicazione dell’annuncio sulle varie piattaforme. I portali come Airbnb permettono ai proprietari di pubblicare gli annunci relativi alle strutture per pubblicizzarle e aumentare il tasso di prenotazione.

Le opzioni per i proprietari sono due: rivolgersi ad un’agenzia di servizi per gli affitti brevi come Guesthero, oppure scegliere il fai da te, recuperando la documentazione in comune ed occupandosi di rendere la casa idonea all’accoglimento di turisti.

Al fine di essere battere la concorrenza che contraddistingue una città turistica come Venezia, è necessario organizzare al meglio il check in e check out, le pulizie ed assicurarsi che l’abitazione sia dotata di tutti i confort richiesti.

Affitti brevi a Venezia: le zone più richieste

Quali sono le zone più richieste dai turisti di tutto il mondo? Sicuramente quelle del centro storico, a partire dalla zona Canal Grande che, con i suoi famosi edifici storici, dispone dei prezzi al metro quadro più elevati. Molto richiesti anche gli appartamenti in zona limitrofa allaffitti brevi veneziaa famosa Piazza San Marco e zona San Polo, così come l’artistico sestiere di Dorsoduro che è tra i sestieri più richiesti e, di conseguenza tra i più redditizi di Venezia. È una zona dall’ampio respiro culturale, dove si concentrano numerosi musei tra cui: Palazzo Vernier dei Leoni, ed il museo del Settecento Veneziano. Apprezzatissima anche per il comodo accesso ai mezzi di trasporto e la vista spettacolare sul canale della Giudecca.

Il lido di Venezia è una località marittima e per questo fortemente influenzata dalla stagionalità. Apprezzata soprattutto per le fantastiche spiagge e locali esclusivi, è nota per le sue caratteristiche case colorate e per le importanti tradizioni gastronomiche. Affittare a breve a Venezia lido consente di applicare le tariffe più vantaggiose nei periodi di alta stagione.

Leggi anche:  Tassa Airbnb 2019: tutte le novità da sapere

Affitti brevi Venezia: tassa di soggiorno

L’imposta di soggiorno è una tassa variabile ma obbligatoria. Essa viene pagata dagli ospiti ad ogni soggiorno in una località turistica diversa da quella di residenza. Ogni comune e città ha un proprio regolamento in base anche all’alloggio scelto. Chiaramente un Hotel a cinque stelle avrà una tassa di soggiorno maggiore rispetto a un Hotel con due o tre stelle o addirittura ad un Bed&Breakfast.

Venezia è una delle città più care d’Italia e la tassa di soggiorno è proporzionata al costo della vita previsto nel capoluogo veneto. Generalmente la tassa di soggiorno si aggira attorno a 1,5€/2.00€ mentre in alcune città italiane molto famose essa può aumentare di parecchio, anche fino a raggiungere il doppio rispetto ad altre città.

Nel 2018 i prezzi della tassa di soggiorno sono aumentati notevolmente nella città di Venezia, sia in laguna che nella terraferma. Questa iniziative ha preso piene con il fine di aumentare il guadagno dei proprietari che decidono di affittare per breve periodo la propria struttura.

Dal 1 gennaio 2018, infatti, la tassa di soggiorno a Venezia è aumentata di più del doppio, infatti è passata precisamente da 2€ a 5€ per notte a persone.

A chi rivolgersi per affittare a breve senza problemi

Come abbiamo visto, affittare a breve termine a Venezia può trasformarsi in un vero e proprio lavoro, a cui è bisogno prestare la massima attenzione per non abbassare il valore dell’immobile e per mantenere una buona reputazione all’interno di portali come Airbnb e Booking ed Expedia. Hai un appartamento a disposizione ma non il tempo? Affidati a Guesthero, professionista nell’affitto a breve termine. Guesthero si occuperà di trovare il miglior prezzo possibile, gestire la burocrazia e la customer care. Guesthero si occuperà della gestione del tuo appartamento in base alle tue esigenze.