Affitti brevi: elenco completo tassazione 2019 | Guesthero

Affitti brevi: elenco completo tassazione 2019

Come funziona la tassazione 2019 per gli affitti brevi? In quest’articolo viene spiegato come saranno le tasse per il prossimo anno per appartamenti e case vacanze con la formula degli affitti brevi.

Affitti brevi: cosa sono

Le “locazioni brevi” consistono in contratti di affitto della durata non superiore a 30 giorni e devono essere stipulati da persone fisiche al di fuori dell’attività d’impresa, direttamente o tramite intermediari, anche online, inclusi quelli che prevedono la fornitura di biancheria e la pulizia dei locali.

Manovra correttiva

Secondo quanto previsto dalla manovra correttiva 2017, ai redditi che derivano da questi contratti, stipulati dal 1° giugno 2017, si applicano in via opzionale le disposizioni relative al regime della cedolare secca con l’aliquota del 21%, sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali sui redditi derivanti dalla locazione.

La nuova disciplina si applica sia nel caso in cui i contratti siano stipulati direttamente tra locatore (proprietario dell’immobile oppure il titolare di altro diritto reale, sublocatore, comodatario) e conduttore, sia nel caso in cui in tali contratti intervengano soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche attraverso la gestione di portali online come airbnb booking.com, delle vere e proprie community che mettono in contatto persone in ricerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da locare.

Tassazione affitti brevi 2019

Con l’introduzione della Tassa Airbnb, il governo Gentiloni ha previsto l’obbligo per gli intermediari immobiliari che gestiscono le locazioni di appartamenti, ville, case vacanze anche mediante le piattaforme online quali appunto airbnb, booking.com, windu ecc, di applicare al momento del pagamento da parte dell’affittuario una cedolare sugli affitti brevi pari al 21% sul canone di locazione.

Leggi anche:  Gestione affitti milano: casa vacanze in centro

Questa ritenuta viene applicata dall’intermediario, che è considerato a questo punto come un sostituto di imposta, non è l’unico adempimento previsto dalla norma: una volta che viene ricevuto il pagamento, l’intermediario deve riversare all’erario la cedolare secca e a rilasciare al proprietario dell’immobile la certificazione unica.

Cos’è la Tassa airbnb?

La nuova tassazione airbnb è proprio quella che è stata approvata dal governo Gentiloni ad aprile 2017. Questo nuovo regime di tassazione per la locazione turistica è ormai operativo dal primo giugno 2017,  ed è prevista sia per coloro che ricevono proventi a fronte di locazioni o affitti di brevi periodi sia per coloro che li ricevono in qualità di intermediari come Airbnb, Homeaway, booking.com, etc o altri portali on line o agenzie immobiliari.

La locazione turistica breve è un fattore determinante per il mercato delle seconde case perché consente al proprietario di coprire il costo eccessivo dell’IMU, della TASI e della TARI e di consentire di manutenere l’immobile nel tempo e soprattutto di guadagnare soldi extra con gli affitti.

L’agevolazione della cedolare secca è valida anche per il prossimo biennio, quindi per il 2019 e per il 2020.

Cedolare secca 2019: quando si paga?

La cedolare secca 2019 va pagata con le stesse scadenze dell’Irpef dall’anno successivo in cui è iniziato l’affitto della casa. Nel dettaglio, se la cedolare secca è iniziata nel 2018 le scadenze saranno le seguenti:

  • per il primo acconto (il 40% del 95% del totale) in data 30 giugno 2019
  • 30 novembre 2019 per il secondo acconto (il 60% del 95% del totale)
  • per saldare il tutto in data 30 giugno 2020 (il 5% del totale)
Leggi anche:  Commissioni airbnb booking: quanto e come pagarle?

Cedolare secca e affitti brevi

Se sei proprietario di una casa che affitti soltanto per un periodo limitato o, comunque, per non più di 30 giorni per volta (ad esempio a turisti che vengono per le vacanze o a lavoratori in trasferta che hanno bisogno di periodi brevi di soggiorno senza pagare un albergo) puoi beneficiare della cedolare secca 2019. Questi contratti possono essere firmati da persone fisiche e non hanno bisogno di registrazione.

Guesthero: gestione affitti brevi

Guesthero si occupa del pagamento della cedolare secca per cui agisce come sostituto d’imposta per i proprietari di casa che mettono in affitto breve una casa vacanze o un appartamento. Per saperne di più, su come funzionano i nostri servizi di gestione affitti brevi sia per quanto concerne la parte online sia la parte fisica, contattaci compilando il form.

Valutazione immobile

Compilando il form potrai prenotare una consulenza gratuita con un nostro esperto di affitti a breve termine.