Affitti brevi: home staging come funziona

Affitti brevi: home staging come funziona

Il business dell’affitto breve è un trend in forte crescita da quando la piattaforma Airbnb ha iniziato a spopolare dieci anni fa. Sempre più persone, tra privati e professionisti, hanno deciso di dedicare i propri immobili sfitti a tale attività. Tuttavia si tratta di un business che attualmente inizia a sviluppare una forte competizione al suo interno, dovuta appunto al crescente numero di protagonisti. Per questo sono sorte nuove figure professionali che rendano il tutto più semplice. Tra questi senza dubbio intermediari e home stager.

Affitti brevi: come funziona

Gli affitti brevi nascono circa dieci anni fa quando due studenti, vista la necessità di racimolare denaro dopo i loro studi, decidono di affittare una stanza della propria casa durante un festival in città. Da qui l’idea di Air Bed and breakfast, presto diventato Airbnb. L’affitto breve è subito risultato un’idea vincente perché si adatta perfettamente non sono a soggiorni lunghi ma soprattutto a soggiorni professionali di breve periodo e vacanze. Infatti l’affitto breve ha una durata compresa tra le due e le 29 notti e si caratterizza per la possibilità di applicare un prezzo dinamico a seconda del periodo dell’anno e degli eventi contestualmente presenti in loco.

affitti brevi

Affitti brevi: nuove figure professionali

Data la veloce diffusione degli affitti brevi, sempre più persone hanno iniziato a dedicarsi professionalmente a tale business in modo costante. Tuttavia si tratta di un’attività che richiede costanza e impegno, che non tutti possono garantire. Per questo, sono sorte diverse figure professionali connesse che sono volte a semplificare il lavoro dei proprietari di casa. Ecco i più diffusi.

Leggi anche:  Moda uomo Milano Giugno 2018: ospitalità affitti brevi

Home stager 

La professione di home stager è forse la posizione più recente emersa dalla diffusione del business. L’home staging è una disciplina che combina il design di interni, il marketing e la fotografia professionale con lo scopo di rendere un appartamento più appetibile a potenziali clienti. Infatti al momento della pubblicazione di un annuncio su Airbnb è anche richiesta la pubblicazione di materiale fotografico, che è fondamentale per attirare l’attenzione. Se l’appartamento non è nelle sue condizioni migliori, rivolgersi ad un home stager può essere la soluzione ideale dal momento che cercherà di sistemarlo al meglio sia interini di luce e colore che di arredamento, affinché raggiunga la massima potenzialità. Molto spesso, infatti gli immobili non sono di per sé scadenti, semplicemente hanno delle potenzialità non sfruttate.

Intermediari: property manager

Di altrettanta importanza risulta la figura dell’intermediario, che massimizza l’efficienza dell’affitto breve. Infatti, molto spesso i proprietari di case in affitto non possono, per svariati motivi, occuparsi dell’attività ad essi connessa. Per questo è nata la figura del property manager, letteralmente gestore di proprietà appunto. Si tratta di società o persone fisiche che gestiscono gli appartamenti in affitto per conto terzi.

Guesthero: gestione affitti brevi

Guesthero è una società di property management con base a Milano che si occupa della gestione di numerosi appartamenti sul territorio Milanese e non solo. Attualmente offre due soluzioni:

  • gestione online: si caratterizza per lo svolgimento di attività quali gestione burocratica e attivazione delle pratiche dedicato, gestione fiscale e pagamento della cedolare secca, creazione e gestione dell’annuncio, comunicazione degli ospiti in questura e gestione condivisa del calendario.
  • gestione completa: offre un servizio completo che si occuperà dell’immobile a 360 gradi. Alla gestione online si sommano altre attività personalmente condotte. Si tratta del rapporto con l’ospite, dello svolgimento di check in e check out, pulizie dell’alloggio e cambio biancheria. In particolare verrà fornito un kit di benvenuto che renderà il soggiorno più agevole, facendo sentire gli ospiti come fossero a casa propria. Potranno disporre infatti di bagnoschiuma, shampoo, sapone, e qualora la cucina disponga di elettrodomestici verranno messe anche a disposizione pastiglie per la lavastoviglie, detersivi e spugne.
Leggi anche:  Cosa fare in caso di ritardo check-in: guida e consigli

Insomma, se sei proprietario di casa non dovrai veramente pensare più a nulla!