Affitti brevi a Milano: come funzionano - Guesthero

Affitti brevi a Milano: come funzionano

Come funzionano gli affitti brevi a Milano.

Hai case sfitte a Milano e al momento paghi solo tasse? Gli affitti brevi a Milano potrebbero essere la tua soluzione

L’affitto breve è una grande opportunità sia per chi mette a disposizione un appartamento, sia per chi è alla ricerca di un alloggio o anche semplicemente di un solo locale.
[n1related i=”0″] A Milano, come in molte altre metropoli, questo tipo di business si sta diffondendo a macchia d’olio. L’affitto breve è una soluzione proficua perché non solo garantisce un’entrata sicura in più, ma pone anche fine all’incubo dell’inquilino moroso e reticente a lasciare l’alloggio libero in caso di vostra necessità.

Perché convengono gli affitti brevi a Milano

Milano è il centro economico- finanziario principale della penisola, uno dei più importanti poli fieristici e del design industriale, una delle quattro città più influenti nel settore della moda e in ambito culturale ha molta rilevanza nell’editoria e nella musica. Ogni giorno conta un flusso di migliaia di persone attratte dalle sue grandi potenzialità.

Milano, quindi, risulta la città ideale dove destinare la casa agli affitti brevi. Le zone maggiormente gettonate sono le zone centrali come Duomo – Brera, Washington – San Siro, Porta Garibaldi – Isola, Bovisa, Centrale – Città Studi, Porta Romana e Porta Genova Navigli.

Altri fattori da considerare sono la struttura e le condizioni della casa, la vicinanza a mezzi di trasporto e la possibilità di parcheggio.

Se avete case sfitte che soddisfano queste caratteristiche non siate titubanti, ma procedente con gli affitti brevi.

Come procedere con gli affitti brevi a Milano

Se si vuole procedere con l’affitto di una casa in piena autonomia il processo è molto semplice.

  • Scegliere il portale su cui registrare la propria casa.
Leggi anche:  Rimborso affitto: come funziona e a chi spetta

Esistono vari portali che consentono affitti a breve termine. Alcuni esempi sono: Airbnb, Booking e Wimdu. Al momento della scelta si consiglia di controllare le condizioni contrattuali, in particolare le commissioni richieste per il servizio. Ci si può iscrivere contemporaneamente a diversi portali.

  • Registrarsi

La fase della registrazione come host è molto semplice. Basta collegarsi al sito del portale scelto e seguire le indicazioni.

  • Controllare le prenotazioni attraverso l’account registrato sulla piattaforma

Una volta completata la fase di iscrizione e il proprio annuncio risulta online, bisogna seguire le prenotazioni. Nell’area riservata compariranno tutte le notifiche relative al proprio annuncio e sarà possibile anche entrare in contatto con i possibili guest.

Come fare se non si ha esperienza con gli affitti brevi

Se non hai molta dimestichezza con questo nuovo metodo di affittare un alloggio in pieno stile sharing economy (economia della condivisione), potete rivolgervi senza indugi a Guesthero.

Un team di professionisti si occuperà della gestione completa del tuo appartamentoa te rimane la scelta del prezzo e del periodo disponibile all’affitto.

Contatta Guesthero, valutiamo insieme quanto riesci a guadagnare mettendo la tua casa in affitto breve.

Comments are closed.