Affitti brevi: andamento di mercato quarto trimestre 2018 | Guesthero

Affitti brevi: andamento di mercato quarto trimestre 2018

Affitti brevi: l’ultimo trimestre del 2018 si sta rivelando particolarmente profittevole per il mercato degli affitti brevi. Durante l’anno il periodo estivo risulta essere quello più associato agli affitti di breve durata, quest’anno questa tendenza si è ribaltata. Il mercato registra rendimenti in costante crescita e proprio per questo motivo un numero sempre maggiore di proprietari decide di intraprendere questo tipo di attività. Scopri le opportunità offerte dal mercato degli affitti brevi con Guesthero.

Affitti brevi

Quando si parla di affitti a breve termine si fa riferimento alla locazione turistica e all’affitto temporaneo. Queste attività di locazione sono entrambe caratterizzate dalla necessità degli ospiti di trovare soluzioni abitative per brevi periodi di tempo, ad esempio per motivi di lavoro o di studio. Vediamo quali sono le specifiche delle locazioni di breve durata che tutti i proprietari che decidono di intraprendere l’attività dovrebbero conoscere.

Affitto turistico non imprenditoriale

L’affitto breve di natura turistica ha una durata inferiore ai 30 giorni. Si tratta di un contratto di affitto che non è soggetto all’obbligo di registrazione presso l’Agenzia delle Entrate e che presenta alcune caratteristiche peculiari rispetto alle locazioni di maggior durata.

Si tratta innanzitutto di un contratto di locazione che è lasciato alla libera contrattazione tra le parti per quanto concerne il prezzo e le modalità di pagamento. Inoltre, il contratto di locazione turistica è caratterizzato dalla mancanza di servizi accessori come i servizi di colazione/ristorazione, pulizia e cambio biancheria giornaliera dell’appartamento. Se questi servizi accessori fossero offerti, l’affitto turistico si avvicinerebbe ad una forma di locazione alberghiera che può essere tuttavia esercitata solo in via imprenditoriale.

Affitto transitorio

L’affitto transitorio è un contratto di locazione che ha una durata compresa tra i 30 giorni e i 18 mesi. La durata del contratto è ciò che lo differenzia in maniera sostanziale dagli altri tipi di locazione caratterizzati da una durata maggiore. Si tratta della tipologia di affitto preferita da chi ha un’esigenza abitativa temporanea e che, ad esempio, deve lasciare la città di residenza per motivi riguardanti il lavoro o lo studio. Per l’affitto transitorio, a differenza dell’affitto turistico, è in vigore l’obbligo di registrazione del contratto attraverso marca da bollo.

Leggi anche:  Cedolare secca: quando si applica?

Le tipologie di locazione appena descritte stanno attraversando un’importante crescita nel mercato immobiliare, soprattutto nell’ultimo trimestre del 2018.

Andamento mercato affitti brevi

Il mercato degli affitti breve costituisce un’ottima opportunità per chi decide di mettere a reddito il proprio appartamento. Le prenotazioni nell’ultimo trimestre dell’anno sono cresciute del 25% rispetto allo stesso periodo del 2017. Ha registrato un’importante crescita anche la domanda estera, nel 2018 risulta infatti aumentata del 15% rispetto al 2017.

Da una recente indagine svolta, chi viaggia nell’ultimo periodo dell’anno, è accompagnato da gruppi di circa 5 persone (4,7) che soggiornano per un periodo che ha una durata di poco più di 4 notti (4,5). La spesa media registrata per ogni prenotazione risulta essere pari a 676 euro,  ammontare che è rimasto invariato rispetto al 2017.

Per l’ultimo trimestre del 2018 è emersa inoltre una tendenza rilevante per il mercato degli affitti brevi, cioè la destagionalizzazione del settore. Un numero sempre maggiore di viaggiatori infatti ha fatto almeno una vacanza invernale negli ultimi 12 mesi. E’ emerso inoltre il trend, secondo il quale, se una volta una casa vacanza era scelta principalmente per motivi di risparmio, oggi il 60% la preferisce per godere di maggiore privacy e autonomia.

Perché investire negli affitti brevi

Come evidenziato dai dati di settore, il mercato degli affitti brevi è in continua crescita. Il trend positivo del mercato spinge un numero sempre maggiore di proprietari ad abbandonare l’affitto classico (4+4) di maggior durata per le locazioni a breve termine.

Oltre ai rendimenti in continua crescita, l’affitto breve attrae un numero sempre maggiore di proprietari di immobili per gli importanti vantaggi che apporta rispetto agli affitti di durata superiore; bisogna riflettere innanzitutto sul fatto che il rischio di morosità è notevolmente ridotto, considerato che il pagamento del canone di locazione avviene in maniera anticipata rispetto all’arrivo dell’ospite. Oltretutto, il proprietario rimane sostanzialmente in possesso del suo appartamento potendone usufruire ogni qualvolta ne abbia la necessità.

Leggi anche:  Casa vacanze: normativa fiscale

Il canone di locazione, inoltre, può essere ridefinito di volta in volta a seconda dei periodi di alta e bassa stagione e in corrispondenza di eventi di richiamo turistico. Per questi motivi, le grandi città e centri d’arte come Milano, Roma, Torino e Firenze forniscono notevoli opportunità per chi volesse intraprendere l’attività.

Naturalmente per ottenere risultati bisogna considerare che la gestione di un appartamento che viene affittato per brevi periodi necessita di tempo e di professionalità. E’ necessaria infatti una puntuale gestione dell’ospite nei momenti di arrivo, permanenza e partenza, nonché una particolare attenzione per le questioni burocratiche e fiscali. Per ovviare a queste problematiche, sono nate società di gestione affitti brevi come Guesthero.

Affidati ai consigli di Guesthero

Per informazioni sull’andamento del mercato degli affitti brevi e tutti i consigli per poter far rendere il tuo appartamento rivolgiti agli esperti di Guesthero!

Siamo una società specializzata nella gestione degli affitti brevi e, con la nostra esperienza nel settore, riusciamo a massimizzare i guadagni per i nostri clienti sollevandoli da tutti gli obblighi di gestione legati alla locazione breve del loro immobile. Tra i nostri servizi, un pacchetto di gestione standard e uno all-inclusive.

Pacchetto standard

Il pacchetto di gestione standard si riferisce alla gestione online dell’appartamento in affitto breve e comprende i seguenti servizi:

  • Creazione annunci su Airbnb e Booking
  • Gestione prenotazioni e pagamenti
  • Messaggistica con l’ospite
  • Gestione recensioni

Pacchetto all-inclusive

Oltre ai servizi del pacchetto standard, nel pacchetto all-inclusive sono compresi:

  • Shooting fotografico professionale
  • Servizio di pulizia professionale e cambio biancheria
  • Accoglienza ospite: check in e check out
  • Gestione amministrativa (registrazione degli ospiti in questura attraverso il portale alloggiati)
  • Pacchetto assicurativo

Valutazione dell’immobile

Per cominciare ad affittare casa con la formula degli affitti brevi è opportuno fare una valutazione dell’immobile da un esperto, il quale verificherà la funzionalità della casa e fornirà una consulenza. Contattaci per una valutazione del tuo immobile.