Affittare una stanza: pro e contro - Guesthero

Affittare una stanza: una fonte di guadagno extra per chi dispone di una stanza in più nel proprio appartamento. Il target più interessante è quello degli studenti fuorisede o Erasmus che spesso devono optare per soluzioni provvisorie.

Come affittare una stanza

affittare una stanzaInnanzitutto affittare una stanza è una pratica assolutamente legale. Per non incorrere in eventuali sanzioni amministrative è bene seguire quanto disposto dalla normativa vigente. Sicuramente un requisito fondamentale che non può mancare nell’affittare una stanza è il contratto. Questo può essere di diverso tipo: dal contratto libero, al contratto concordato al contratto transitorio. In termini legali la scelta del contratto è indifferente, determinata solo dalle esigenze delle controparti. L’importanza del contratto risiede nel limitare il rischio di evasione fiscale.

Affittare una stanza: contratto

Come già detto in precedenza ci sono vari tipi di contratto che possono essere stipulati per affittare una stanza. Andiamo più nel dettaglio e vediamoli singolarmente.

Contratto libero

È una tipologia di contratto che lascia libere le parti di decidere costi e contenuti. L’unico vincolo è che la durata minima deve essere di 4 anni con rinnovo automatico per altrettanti anni, previa disdetta anticipata. Il contratto deve essere in forma scritto e registrato per avere validità giuridica.

Contratto concordato

Si tratta di un contratto piuttosto recente e con delle caratteristiche particolari. Per legge la sua durata è di 3 anni trascorsi i quali si ha il rinnovo automatico per altri 2 anni previa comunicazione. Proprietario e locatore a differenza del contratto libero non hanno la facoltà di scegliere i contenuti. Le clausole vengono determinate dalle associazioni rappresentati delle parti che le depositano presso i comuni. Una caratteristica particolare riguarda la rescissione. Questa clausola prevede che in caso di disdetta illegittima del locatore, il proprietario possa essere risarcito secondo quanto previsto dalla legge.

Leggi anche:  Prezzi affitti brevi a Milano: quello che c'è da sapere

Contratto transitorio

Il contratto transitorio prevede una durata da 1 a 18 mesi e non prevede un rinnovo automatico. È il contratto più usato per affittare una stanza. Generalmente è rivolto a studenti o lavoratori che hanno esigenze di flessibilità e per questo non vogliono vincolarsi per periodi lunghi. Sono infatti a coloro che ricercano stanze in affitto in quanto più facili da trovare e gestire.

Affittare una stanza a studenti: pro e contro

Abbiamo detto che gli studenti fuori sede sono il target più adatto per affittare una stanza. Se sei proprietario di un immobile e hai una stanza in più inutilizzata di sicuro non mancherebbe occasione per affittarla. Anzi, è la soluzione più facile e veloce per fare guadagni.  Soprattutto nelle città universitarie, la richiesta di stanze è davvero elevata.

I pro

  1. Canone di locazione maggiore
  2. Possibilità di risparmio fiscale: il proprietario locatore può usufruire del regime fiscale agevolato della “cedolare secca” che prevede una tassazione separata del 10%  secondo i criteri del canone concordato
  3. Durata breve
  4. Minor rischio di morosità

I contro

  1. Ricambio continuo
  2. Maggior impegno: Un ricambio più frequente di inquilini è causa di maggior impegno per il locatore che si ritrova a dover fare lavori di pulizia, manutenzione, imbiancatura della la stanza che viene liberata. A questo si aggiungono anche i costi di registrazione dei vari contratti.

Guesthero

Noi di Guesthero, esperti di Property Management, ci occupiamo anche di gestione affitti a stanza. Come già precedentemente detto, è una formula di affitto particolarmente remunerativa. Se sei un proprietario e hai a disposizione nel tuo appartamento una stanza da affittare, noi di Guesthero facciamo al caso tuo. Ci occuperemo di tutto noi, tu non dovrai pensare a nulla! Per ulteriore informazioni non esitare a contattarci, siamo sempre a tua disposizione!

Leggi anche:  Affitti studenti Torino: le migliori zone dove vivere