Affittare un appartamento a Como: regolare una casa vacanze - Guesthero

Affittare un appartamento a Como: regolare una casa vacanze

Como è una destinazione gettonatissima, famosa soprattutto per il suo lago, uno dei più rinomati d’Italia, che annualmente attira migliaia di turisti italiani e stranieri. Il lago di Como offre panorami mozzafiato, dalle spettacolari ville alla vista osservabile grazie alla funicolare. Per questo motivo affittare un appartamento sul Lago di Como per il soggiorno dei turisti può essere una fonte di reddito importante. Per questo motivo oggi vediamo come gestire una casa vacanze.

Affittare un appartamento: cos’è una casa vacanze?

È da intendersi con ‘casa vacanze’ una struttura ricettiva non alberghiera organizzata per fornire alloggio ai propri ospiti. Possono essere interi appartamenti o parti di essi. In ogni caso, l’alloggio offerto agli ospiti deve essere arredato e dotato di cucina e di servizi igienici. La gestione delle case vacanze può essere fatta in forma imprenditoriale o non imprenditoriale (solo se vengono gestite al massimo tre unità abitative e in maniera non continuativa, ossia rispettando un periodo di interruzione di 90 giorni, anche non continuativi).

 

Affittare un appartamento: i requisiti per una casa vacanze

Oltre ai requisiti morali, è richiesto che:

  • L’appartamento sia in possesso dei requisiti igienico-sanitari
  • L’immobile mantenga la destinazione urbanistica-residenziale
  • Rispetti la normativa di prevenzione incendi

 

Come iniziare un’attività gestita in forma non imprenditoriale?

Per chi intende iniziare un’attività di casa vacanza, è necessario presentare la comunicazione attraverso il portale ‘IMPRESAINUNGIORNO’ (www.impresainungiorno.gov.it). I documenti necessari sono:

  • Documento d’identità
  • Dati catastali dell’immobile
  • Planimetria dell’immobile
  • Firma digitale
Leggi anche:  Airbnb prenotazione: come fare

Una volta connessi al sito, bisogna cliccare sullo sportello telematico SUAP, indicando regione, provincia e comune di riferimento in cui si trova l’abitazione destinata all’attività di casa vacanze. Fatto questo, si procede alla compilazione della pratica SUAP. Una volta iniziata la pratica, è necessario scegliere il settore ‘commercio, turismo e servizi’, poi ‘strutture ricettive’, quindi ‘case e appartamenti per vacanze gestiti in forma non imprenditoriale’. Successivamente, si prosegue con la selezione di ‘avvio, gestione, cessazione attività’ e quindi ‘notificare attività’. Da qui in poi, si comincia con la compilazione della domanda.

 

Cosa richiede la pratica?

  • Compilazione dei dati anagrafici
  • Oggetto della pratica: si consiglia di inserire la dicitura ‘comunicazione avvio casa e appartamenti per vacanze’
  • Indirizzo mail o pec
  • Inserimento della sede dell’attività (l’indirizzo della casa vacanza)
  • Inserimento dei dati catastali dell’immobile
  • Numero di camere e posti letto disponibili nell’abitazione
  • Soddisfare le richieste della ‘dichiarazioni relative all’attività’
  • Definire a che titolo si ha la disponibilità dei locali (proprietà, locazione, comodato)
  • Accettare la normativa sulla privacy

Nella sezione degli allegati vanno caricate le planimetrie catastali ed eventuali altri allegati. Una volta completata la domanda, è necessario firmare digitalmente l’istanza.

 

Imposte di soggiorno

Chiunque intenda aprire una casa vacanza, una volta autorizzato ad iniziare l’attività, devono necessariamente registrarsi presso l’Ufficio imposta di soggiorno (il modulo è il seguente: https://www.comune.como.it/export/sites/default/it/doc/modulistica/tasse-e-imposte-modulistica/imposta-soggiono/Dichiarazione-iniziale-imposta-di-soggiorno.pdf). Secondo l’ultima deliberazione, per le case vacanze l’imposta ammonta a 2 euro a persona per ogni giorno di pernottamento, per un massimo di 4 pernottamenti. Tuttavia, i minori di 14 anni non devono pagare la tassa. Il gestore della struttura deve comunicare il numero di ospiti totali e quelli soggetti all’imposta di soggiorno entro 15 giorni dalla fine di ogni mese. L’ammontare delle imposte raccolte devono essere versate dal gestore al Comune di Como tramite versamento su contro corrente.

Leggi anche:  Come evitare truffe case vacanze? Consigli utili

 

Guesthero

Affida la gestione della tua casa vacanze a Guesthero! Come esperto del settore immobiliare, sarà in grado di valorizzare i punti di forza del tuo appartamento, pubblicando gli annunci sui principali portali. Gestirà poi al posto tuo la relazioni con gli ospiti, dal check in al check out. Contattaci se sei interessato ad usufruire dei nostri servizi!