Affittare a studenti stanze o appartamenti - Guesthero

Affittare a studenti stanze o appartamenti

Affittare a studenti stanze o appartamenti può sembrare una cosa banale ma, in realtà, ci sono delle cose basilari che il proprietario di casa deve tenere a mente.

Affittare a studenti stanze o appartamenti

Tipologia di contratto per studenti

Contratto affitti studenti

Innanzitutto, l’articolo su cui si basa il contratto di locazione per studenti è l’art. 431. Esso esplicita che il contratto è di tipo transitorio e che l’appartamento o la stanza possono essere affittate solo se lo studente è residente in un Comune diverso rispetto al Comune dell’Università.  Inoltre, i due Comuni devono essere distanti tra loro almeno 100km ed avere provincia differente. Il contratto ha una valenza che va da 6 a 36 mesi e possono esserci delle detrazioni al canone di locazione per i proprietari. La detrazione di cui si parla è quella Irpef del 50% + una detrazione ordinaria del 15% (applicata al canone annuale). Questa tipologia di contratto è vantaggiosa anche per lo studente, il quale può recuperare il 19%. Salvo disdetta, il contratto si rinnova automaticamente alla prima scadenza. Se lo studente dovesse avere problemi di vario tipo può annullare il contratto dando, però, un preavviso di 3 mesi. Nel momento in cui solo un unico inquilino lascia la casa in affitto il recesso viene considerato parziale e gli altri devono pagare la restante parte. Diversa è la situazione se arriva un nuovo inquilino, il quale pratica il subentro. Per richiedere questa pratica è necessario usare il modello RLI.

Affittare stanze a studenti: stanze o appartamenti?

Ovviamente una delle domande che sorgono se si parla di affittare a studenti stanze o appartamenti è: meglio affittare stanze o appartamenti? Non esiste una risposta corretta a questa domanda perché dipende dal volere del locatore. Le possibilità sono due: contratto singolo o contratto unico. Con un contratto singolo ogni studente è responsabile della propria stanza, mentre con quello unico gli inquilini sono tutti responsabili del pagamento dell’intero canone, in quanto è intestato a tutti.

Leggi anche:  Affitti Firenze: in quali zone e come risparmiare

Garante del pagamento: si o no?

Parlando di garanti, invece, è possibile cointestare il contratto a due persone: lo studente e uno dei genitori/parenti. Questo viene inserito con annessa certificazione dei redditi. La tecnica viene utilizzata perché la maggior parte delle volte non si ha la certezza che lo studente possa pagare appieno l’affitto, quindi ci si rivolge a persone che dimostrano di avere una busta paga.  Solo lo studente può utilizzare l’abitazione/ stanza e non anche il garante. Entrambi i cointestatari sono obbligati in solido nel pagamento dell’affitto, che avviene di solito tramite bonifico. Altre volte, invece, il parente è il garante per lo studente. Così facendo, nel caso in cui lo studente non riuscisse a pagare l’imposta, sarebbe il garante a dover pagare.

Prezzi standard per affittare a studenti

In ultimo, per affittare a studenti stanze o appartamenti si deve pensare al prezzo di queste. Esso è precedentemente stabilito e concordato da accordi di tipo territoriali stipulati tra università, associazioni studentesche e organizzazioni. Quindi c’è un’indicativa fascia di prezzo che varia da città a città.

Guesthero

Una volta compreso come gestire la tipologia di contratto per studenti, è necessario trovare quest’ultimi. L’agenzia Guesthero ti aiuta a massimizzare i tuoi sforzi e a ottenere il massimo rendimento. Con il nostro servizio di gestione completa non avrai nulla di cui preoccuparti! Ti invitiamo a contattarci per avere una consulenza specifica.